Cornell Alliance for Science è una campagna di pubbliche relazioni per l'industria agrochimica

Stampa E-mail Share Tweet

Nonostante il suo nome accademico e l'affiliazione con un'istituzione della Ivy League, il Cornell Alliance for Science (CAS) è una campagna di pubbliche relazioni finanziata dalla Bill & Melinda Gates Foundation che forma borsisti in tutto il mondo per promuovere e difendere le colture geneticamente modificate e gli agenti chimici nei loro paesi d'origine. Numerosi accademici, esperti di politica alimentare, gruppi alimentari e agricoli hanno denunciato i messaggi imprecisi e le tattiche ingannevoli che i soci CAS hanno usato per cercare di screditare le preoccupazioni e le alternative all'agricoltura industriale.

A settembre, CAS ha annunciato $ 10 milioni di nuovi finanziamenti dalla Gates Foundation, portando Gates totale finanziamento a $ 22 milioni dal 2014. Il nuovo finanziamento arriva come Gates Foundation di fronte a respingimenti da parte di gruppi agricoli, alimentari e religiosi africani per aver speso miliardi di dollari in programmi di sviluppo agricolo in Africa le prove dimostrano che non riescono ad alleviare la fame oa sollevare i piccoli agricoltori, poiché consolidano metodi di coltivazione a vantaggio delle aziende rispetto alle persone. 

Questa scheda documenta molti esempi di disinformazione da parte di CAS e persone affiliate al gruppo. Gli esempi qui descritti forniscono la prova che CAS sta usando il nome, la reputazione e l'autorità di Cornell per far avanzare l'agenda politica e di pubbliche relazioni delle più grandi società chimiche e sementiere del mondo.

Missione e messaggistica allineati al settore

CAS è stato lanciato nel 2014 con una sovvenzione della Fondazione Gates di 5.6 milioni di dollari e promette di "depolarizzare ”il dibattito intorno agli OGM. Il gruppo dice la sua missione è quello di "promuovere l'accesso" a colture e alimenti OGM formando "alleati scientifici" in tutto il mondo per educare le loro comunità sui benefici della biotecnologia agricola.

Il gruppo dell'industria dei pesticidi promuove il CAS 

Una parte fondamentale della strategia CAS è reclutare e formare Borsisti di leadership globale nelle comunicazioni e nelle tattiche promozionali, concentrandosi sulle regioni in cui vi è opposizione pubblica all'industria biotecnologica, in particolare i paesi africani che hanno resistito alle colture OGM.

La missione CAS è sorprendentemente simile a il Council for Biotechnology Information (CBI), un'iniziativa di pubbliche relazioni finanziata dall'industria dei pesticidi che ha ha collaborato con CAS. Il gruppo industriale ha lavorato a costruire alleanze lungo la catena alimentare e formare terze parti, in particolare accademici e agricoltori, per persuadere il pubblico ad accettare gli OGM.

La messaggistica CAS è strettamente allineata con le pubbliche relazioni dell'industria dei pesticidi: un'attenzione miope nel promuovere i possibili benefici futuri degli alimenti geneticamente modificati, minimizzando, ignorando o negando rischi e problemi. Come gli sforzi di PR del settore, anche CAS si concentra fortemente sull'attacco e sul tentativo di screditare i critici dei prodotti agricochimici, inclusi scienziati e giornalisti che sollevano preoccupazioni per la salute o l'ambiente.

Critiche diffuse

Il CAS ei suoi autori hanno attirato critiche da accademici, agricoltori, studenti, gruppi di comunità e movimenti per la sovranità alimentare che affermano che il gruppo promuove messaggi imprecisi e fuorvianti e utilizza tattiche non etiche. Vedi ad esempio:

Esempi di messaggi fuorvianti

Esperti in ingegneria genetica, biologia, agroecologia e politica alimentare hanno documentato molti esempi di affermazioni imprecise fatte da Mark Lynas, un borsista in visita alla Cornell che ha scritto dozzine di articoli in difesa dei prodotti agricochimici in nome della CAS; vedi ad esempio il suo molti articoli promossi dal Genetic Literacy Project, un gruppo di PR che lavora con Monsanto. Il libro di Lynas del 2018 sostiene che i paesi africani accettino gli OGM e dedica un capitolo alla difesa della Monsanto.

Affermazioni imprecise sugli OGM

Numerosi scienziati hanno criticato Lynas per la produzione dichiarazioni false, “Non scientifico, illogico e assurdo" argomenti, promuovere il dogma sui dati e sulla ricerca sugli OGM, rimescolando i punti di discussione del settoree facendo affermazioni imprecise sui pesticidi che "mostrare una profonda ignoranza scientifica, o uno sforzo attivo per fabbricare il dubbio. "

"La lunga lista di ciò che Mark Lynas ha sbagliato sia sugli OGM che sulla scienza è ampia ed è stata confutata punto per punto da alcuni dei principali agroecologi e biologi del mondo", ha scritto Eric Holt-Giménez, direttore esecutivo di Food First, nell'aprile 2013 (Lynas è entrato a far parte della Cornell come visiting fellow nello stesso anno).  

"Falso e falso"

I gruppi con base in Africa hanno criticato a lungo Lynas. Lo ha fatto l'Alleanza per la sovranità alimentare in Africa, una coalizione di oltre 40 gruppi alimentari e agricoli in tutta l'Africa ha descritto Lynas come un "esperto in fuga" il cui "disprezzo per il popolo africano, i costumi e la tradizione è inconfondibile". Million Belay, direttore di AFSA, ha descritto Lynas come "un razzista che sta spingendo una narrativa secondo cui solo l'agricoltura industriale può salvare l'Africa".

In un comunicato stampa del 2018, il Centro africano per la biodiversità con sede in Sud Africa ha descritto tattiche non etiche che Lynas ha utilizzato per promuovere l'agenda della lobby biotecnologica in Tanzania. "C'è sicuramente un problema circa la responsabilità e [la necessità di] regnare sulla Cornell Alliance for Science, a causa della disinformazione e del modo in cui sono estremamente falsi e falsi", ha detto Mariam Mayet, direttore esecutivo dell'African Center for Biodiversity. in un Webinar di luglio 2020.

Per critiche dettagliate sul lavoro di Lynas, vedere gli articoli alla fine di questo post e il nostro Scheda informativa di Mark Lynas.

Attaccare l'agroecologia

Un esempio recente di messaggistica imprecisa è un articolo ampiamente filtrato sul CAS portale dedicato secondo Lynas, "l'agroecologia rischia di danneggiare i poveri". Gli accademici hanno descritto l'articolo come un "interpretazione demagogica e non scientifica di un articolo scientifico, ""profondamente poco serio, ""pura ideologia ”e“ un imbarazzo per qualcuno che vuole affermare di essere scientifico, "un"analisi davvero imperfetta“?? quello fa "generalizzazioni radicali“?? e "conclusioni selvagge."Alcuni critici richiesto a ritrazione.

2019 articolo del collega CAS Nassib Mugwanya fornisce un altro esempio di contenuto fuorviante sul tema dell'agroecologia. L'articolo, "Perché le pratiche agricole tradizionali non possono trasformare l'agricoltura africana", riflette il tipico modello di messaggistica nei materiali CAS: presentare le colture OGM come posizione "pro-scienza" mentre dipinge "forme alternative di sviluppo agricolo come" anti-scienza, "infondato e dannoso", secondo un'analisi dalla Community Alliance for Global Justice con sede a Seattle.

"Particolarmente notevoli nell'articolo sono i forti usi di metafore (ad esempio, l'agroecologia paragonata alle manette), generalizzazioni, omissioni di informazioni e una serie di inesattezze fattuali", ha detto il gruppo.

Utilizzo del playbook Monsanto per difendere i pesticidi

Un altro esempio di messaggistica CAS fuorviante allineata al settore può essere trovato nella difesa del gruppo del Roundup basato sul glifosato. Gli erbicidi sono un componente chiave delle colture OGM con Il 90% del mais e della soia coltivati ​​negli Stati Uniti geneticamente progettato per tollerare Roundup. Nel 2015, dopo che il gruppo di ricerca sul cancro dell'Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che il glifosato è un probabile cancerogeno per l'uomo, la Monsanto ha organizzato alleati per "orchestrare proteste" contro il gruppo scientifico indipendente per "proteggere la reputazione" di Roundup, secondo documenti interni Monsanto.

Il playbook delle PR della Monsanto: attaccare gli esperti di cancro come "attivisti"

Mark Lynas ha utilizzato il Piattaforma CAS per amplificare il messaggio della Monsanto, descrivendo il rapporto sul cancro come una "caccia alle streghe" orchestrata da "attivisti anti-Monsanto" che "hanno abusato della scienza" e commesso "un'ovvia perversione sia della scienza che della giustizia naturale" segnalando un rischio di cancro per il glifosato. Lynas ha usato lo stesso argomenti errati e fonti del settore come l'American Council on Science and Health, a il gruppo di fronte Monsanto ha pagato per aiutare a far girare il rapporto sul cancro.

Pur affermando di essere dalla parte della scienza, Lynas ha ignorato ampie prove dai documenti della Monsanto, ampiamente riportato sulla stampa, quello La Monsanto è intervenuta ricerca scientifica, agenzie di regolamentazione manipolate e usato altro tattiche pesanti manipolare il processo scientifico al fine di proteggere Roundup. Nel 2018, una giuria ha ritenuto che Monsanto "ha agito con malizia, oppressione o frode"Nel coprire il rischio di cancro di Roundup.

Lobbying per pesticidi e OGM

Sebbene il suo principale obiettivo geografico sia l'Africa, il CAS aiuta anche l'industria dei pesticidi a difendere i pesticidi e screditare i sostenitori della salute pubblica alle Hawaii. Le isole hawaiane sono un importante banco di prova per le colture OGM e anche un'area che presenta livelli elevati esposizioni a pesticidi e preoccupazioni per i problemi di salute legati ai pesticidi, inclusi difetti alla nascita, cancro e asma. Questi problemi hanno portato residenti per organizzare una lotta lunga anni approvare normative più severe per ridurre l'esposizione ai pesticidi e migliorare la divulgazione delle sostanze chimiche utilizzate nei campi agricoli.

"Ha lanciato attacchi viziosi"

Mentre questi sforzi hanno preso piede, secondo Fern Anuenue Holland, un organizzatore di comunità per Hawaii Alliance for Progressive Action, la CAS si è impegnata in una "massiccia campagna di disinformazione delle pubbliche relazioni progettata per mettere a tacere le preoccupazioni della comunità" sui rischi per la salute dei pesticidi. Nel Cornell Daily Sun, Holland ha descritto come "i borsisti della Cornell Alliance for Science pagati - con il pretesto di esperti scientifici - abbiano lanciato attacchi feroci". Hanno usato i social media e scritto dozzine di post sul blog condannando i membri della comunità colpiti e altri leader che hanno avuto il coraggio di parlare. "

Holland ha detto che lei e altri membri della sua organizzazione sono stati oggetto di "omicidi di personaggi, false dichiarazioni e attacchi alla credibilità personale e professionale" da parte degli affiliati CAS. "Ho assistito personalmente alla rottura di famiglie e amicizie durature", ha scritto.

Opporsi al diritto del pubblico di sapere     

Direttore CAS Sarah Evanega, PhD, ha ha detto che il suo gruppo è indipendente dall'industria: “Non scriviamo per l'industria e non sosteniamo né promuoviamo prodotti di proprietà dell'industria. Come il nostro sito web rivela in modo chiaro e completo, non riceviamo risorse dal settore ". Tuttavia, dozzine di e-mail ottenute da US Right to Know, ora pubblicate in Libreria di documenti per l'industria chimica UCSF, mostrano che CAS ed Evanega si coordinano strettamente con l'industria dei pesticidi e i suoi gruppi di facciata sulle iniziative di pubbliche relazioni. Esempi inclusi:

Ulteriori esempi di partnership CAS con gruppi industriali sono descritti in fondo a questa scheda informativa.  

Elevando gruppi frontali, messaggeri inaffidabili

Nei suoi sforzi per promuovere gli OGM come soluzione "basata sulla scienza" per l'agricoltura, la Cornell Alliance for Science ha prestato la sua piattaforma a gruppi di facciata dell'industria e persino a un noto scettico della scienza del clima.

Trevor Butterworth e Sense About Science / STATS: CAS collabora con Sense About Science / STATS per offrire "consulenza statistica per giornalisti"E ha dato una borsa di studio al direttore del gruppo Trevor Butterworth, che ha costruito la sua carriera difendendo prodotti importanti per il chimico, fracking, cibi preconfezionati e industrie farmaceutiche. Butterworth è il direttore fondatore di Sense About Science USA, che ha fuso con la sua precedente piattaforma, Statistical Assessment Service (STATS).

I giornalisti hanno descritto STAT e Butterworth come attori chiave nelle campagne di difesa dei prodotti dell'industria chimica e farmaceutica (vedi Stat News, Milwaukee Journal Sentinel, L'intercettazione e L'Atlantico). I documenti della Monsanto identificano Sense About Science tra i "partner del settore" contava per difendere Roundup dalle preoccupazioni per il cancro.

Lo scettico della scienza del clima Owen Paterson: Nel 2015, CAS ha ospitato Owen Paterson, un noto politico del Partito conservatore britannico scettico sulla scienza del clima che ridotto i finanziamenti per gli sforzi di mitigazione del riscaldamento globale durante il suo periodo come ministro dell'Ambiente del Regno Unito. Paterson ha utilizzato lo stage Cornell per affermare che i gruppi ambientalisti che sollevano preoccupazioni sugli OGM "permettere a milioni di morire."I gruppi dell'industria dei pesticidi hanno utilizzato messaggi simili 50 anni fa per tentare di farlo screditare Rachel Carson per aver sollevato dubbi sul DDT.

Lynas e Senso della scienza: Lynas di CAS è anche affiliato a Sense About Science in qualità di membro del comitato consultivo di lunga data. Nel 2015, Lynas ha collaborato con lo scettico della scienza del clima Owen Paterson Paterson, anche il direttore di Sense About Science Tracey Brown per lancia quello che ha chiamato il "movimento per l'ecomodernismo", un movimento di allineamento aziendale, ceppo anti-regolazione di "ambientalismo".

Difesa dell'industria alle Hawaii

Nel 2016, CAS ha lanciato un file gruppo affiliato chiamato Hawaii Alliance for Science, che ha affermato che il suo scopo era quello di "supportare il processo decisionale basato su prove e l'innovazione agricola nelle isole". I suoi messenger includono:

Sarah Thompson, a ex dipendente di Dow AgroSciences, ha coordinato il Hawaii Alliance for Science, che si è descritta come una "organizzazione di base senza scopo di lucro basata sulla comunicazione associata alla Cornell Alliance for Science". (Il sito web non appare più attivo, ma il gruppo mantiene un file pagina Facebook.)

I post sui social media della Hawaii Alliance for Science e del suo coordinatore Thompson hanno descritto i critici del settore agricolo come persone arroganti e ignoranti, celebrato monocolture di mais e soia e difendeva i pesticidi neonicotinoidi quale molti studi e  dicono gli scienziati stanno danneggiando le api.

Joan Conrow, Direttore responsabile del CAS, scrive articoli su di lei sito personale, La sua Blog "Kauai Eclectic" e per il gruppo di facciata dell'industria Progetto di alfabetizzazione genetica cercando di screditare esperti della salute, gruppi di comunità e politici alle Hawaii che sostengono una maggiore protezione dai pesticidi, e giornalisti che scrivono di problemi di pesticidi. Conrow l'ha fatto gruppi ambientalisti accusati dell'evasione fiscale e ha confrontato un gruppo di sicurezza alimentare al KKK.

Conrow non ha sempre rivelato la sua affiliazione alla Cornell. Il quotidiano delle Hawaii Civil Beat ha criticato Conrow per lei mancanza di trasparenza e l'ha citata nel 2016 come esempio del motivo per cui il giornale stava cambiando le sue politiche di commento. Conrow "ha spesso sostenuto la prospettiva pro-OGM senza menzionare esplicitamente la sua occupazione come simpatizzante degli OGM", ha scritto il professore di giornalismo Brett Oppegaard. "Conrow ha anche perso la sua indipendenza giornalistica (e credibilità) nel riferire in modo equo sulle questioni degli OGM, a causa del tono del suo lavoro su questi temi".

Joni Kamiya, un CAS del 2015 Global Leadership Fellow si oppone ai regolamenti sui pesticidi sul suo sito web Figlia del contadino delle Hawaii, Nella media e anche per il gruppo di facciata dell'industria Progetto di alfabetizzazione genetica. Lei è una "Esperto ambasciatore" finanziato dall'industria agrochimica sito web di marketing GMO Answers. Come Conrow, Kamiya sostiene l'esposizione ai pesticidi alle Hawaii non sono un problemacerca di screditare i funzionari eletti e  "Estremisti ambientali" che vogliono regolare i pesticidi.

Staff, consulenti

CAS si descrive come "un'iniziativa con sede presso la Cornell University, un'istituzione senza scopo di lucro". Il gruppo non rivela il proprio budget, le spese o gli stipendi del personale, e la Cornell University non rivela alcuna informazione su CAS nei suoi documenti fiscali.

Il sito web elenca Membri dello staff 20, compreso il direttore Sarah Evanega, PhDe Managing Editor Joan Conrow (non elenca Mark Lynas o altri colleghi che potrebbero anche ricevere un risarcimento). Altri importanti membri dello staff elencati sul sito web includono:

Il comitato consultivo del CAS comprende accademici che assistono regolarmente l'industria agrochimica con i loro sforzi di pubbliche relazioni.

Critiche della Fondazione Gates  

Dal 2016, la Gates Foundation ha speso oltre 4 miliardi di dollari in strategie di sviluppo agricolo, gran parte delle quali incentrate sull'Africa. Le strategie di sviluppo agricolo della fondazione erano guidato da Rob Horsch (da poco in pensione), a Veterano della Monsanto di 25 anni. Le strategie hanno attirato critiche per la promozione di OGM e prodotti chimici agricoli in Africa nel opposizione dei gruppi con base in Africa e movimenti sociali, e nonostante molte preoccupazioni e dubbi sulle colture geneticamente modificate in tutta l'Africa.

Le critiche all'approccio della Fondazione Gates allo sviluppo e al finanziamento dell'agricoltura includono:

Più collaborazioni CAS-industria 

Decine di e-mail ottenute tramite FOIA da US Right to Know e ora pubblicate in Libreria di documenti per l'industria chimica UCSF, mostrano che il CAS si coordina strettamente con l'industria agrochimica e i suoi gruppi di pubbliche relazioni per coordinare eventi e messaggistica:

Altre critiche a Mark Lynas