Validità di studi chiave sull'origine del coronavirus in dubbio; riviste scientifiche che indagano

Stampa E-mail Share Tweet

Di Carey Gillam

Poiché l' focolaio di COVID-19 Nella città cinese di Wuhan nel dicembre 2019, gli scienziati hanno cercato indizi su ciò che ha portato alla comparsa del suo agente eziologico, il nuovo coronavirus SARS-CoV-2. Scoprire la fonte della SARS-CoV-2 potrebbe essere cruciale per prevenire future epidemie.

Una serie di quattro alto tuo profilo studi pubblicato all'inizio di quest'anno ha fornito credibilità scientifica all'ipotesi che SARS-CoV-2 abbia avuto origine nei pipistrelli e poi sia passato agli umani attraverso un tipo di formichiere chiamato pangolino - tra gli animali selvatici più trafficati al mondo. Mentre quello teoria specifica coinvolgere i pangolini è stato ampiamente scontato, i quattro studi noti come "articoli sui pangolini" continuano a fornire supporto all'idea che i coronavirus siano strettamente correlati alla SARS-CoV-2 circolano allo stato selvatico, il che significa che il SARS-CoV-2 che ha causato COVID-19 proviene probabilmente da una fonte di animali selvatici. 

L'attenzione su una fonte di animali selvatici, la teoria "zoonotica", è diventata un elemento critico nella discussione globale sul virus, allontanando l'attenzione del pubblico da la possibilità che il virus potrebbe aver avuto origine all'interno di un laboratorio governativo cinese - Il Istituto di virologia di Wuhan.

US Right to Know (USRTK) ha appreso, tuttavia, che due dei quattro articoli che costituiscono le basi della teoria zoonotica sembrano essere imperfetti e che gli editori delle riviste in cui sono stati pubblicati gli articoli - Patogeni PLoS e Natura - stanno studiando i dati fondamentali alla base degli studi e il modo in cui i dati sono stati analizzati. Gli altri due sembrano allo stesso modo soffrire di difetti.

I problemi con i documenti di ricerca sollevano "serie domande e preoccupazioni" sulla validità della teoria zoonotica in generale, secondo Dr. Sainath Suryanarayanan, biologo e sociologo della scienza e scienziato del personale USRTK.  Secondo il dottor Suryanarayanan, gli studi mancano di dati sufficientemente affidabili, set di dati verificabili in modo indipendente e una revisione tra pari trasparente e un processo editoriale. 

Guarda le sue e-mail con autori senior dei giornali e redattori di riviste e analisi: La natura e gli agenti patogeni PLoS sondano la veridicità scientifica degli studi chiave che collegano i coronavirus del pangolino all'origine della SARS-CoV-2.

Autorità governative cinesi per primo ha promosso l'idea che la fonte dell'agente causale per COVID-19 negli esseri umani proveniva da un animale selvatico a dicembre. Gli scienziati sostenuti dal governo cinese hanno quindi sostenuto questa teoria in quattro studi separati presentati alle riviste tra il 7 e il 18 febbraio.

Il China Joint Mission Team dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sta indagando sull'emergenza e la diffusione del COVID-19 in Cina dichiarato a febbraio : "Dal momento che il virus COVID-19 ha un'identità genomica del 96% per un coronavirus simile alla SARS di pipistrello e dell'86% -92% per un coronavirus simile alla SARS del pangolino, è altamente probabile una fonte animale di COVID-19". 

L'attenzione iniziata dai cinesi su una fonte di animali selvatici ha aiutato a rilassarsi chiamate per un'indagine sul Istituto di virologia di Wuhan, dove i coronavirus animali sono stati a lungo immagazzinati e manipolati geneticamente. Invece, sono state le risorse e gli sforzi della comunità scientifica e politica internazionale incanalato verso la comprensione dei fattori che determinano il contatto tra le persone e la fauna selvatica. 

I quattro documenti in questione sono Liu et al., Xiao et al. , Lam et al. e Zhang et al. I due che sono attualmente oggetto di indagine da parte degli editori della rivista sono Liu et al e Xiao et al. Nelle comunicazioni con gli autori e gli editori di riviste di questi due articoli, USRTK ha appreso di seri problemi con la pubblicazione di quegli studi, inclusi i seguenti:    

  • Liu et al. non ha pubblicato o condiviso (su richiesta) dati grezzi e / o mancanti che consentirebbero agli esperti di verificare in modo indipendente le proprie analisi genomiche.
  • Editori di entrambi Natura e Patogeni PLoS, così come il professor Stanley Perlman, l'editore di Liu et al., hanno riconosciuto nelle comunicazioni e-mail di essere a conoscenza di gravi problemi con questi documenti e che le riviste li stanno indagando. Tuttavia, non hanno divulgato pubblicamente i potenziali problemi con i giornali.  

Il silenzio delle riviste riguardo alle loro indagini in corso significa che comunità più ampie di scienziati, responsabili politici e il pubblico influenzato da COVID-19 non sono consapevoli dei problemi associati ai documenti di ricerca, ha affermato il dottor Suryanarayanan. 

"Riteniamo che questi problemi siano importanti, dal momento che possono influenzare il modo in cui le istituzioni rispondono a una pandemia catastrofica che ha influenzato radicalmente vite e mezzi di sussistenza in tutto il mondo", ha affermato.

I collegamenti a queste e-mail possono essere trovati qui: 

Nel mese di luglio 2020, US Right to Know ha iniziato a inviare richieste di documenti pubblici alla ricerca di dati dalle istituzioni pubbliche nel tentativo di scoprire cosa si sa sulle origini del nuovo coronavirus SARS-CoV-2, che causa la malattia Covid-19. Dall'inizio dell'epidemia a Wuhan, SARS-CoV-2 ha ucciso oltre un milione di persone, mentre ne ha ammalati altri milioni in una pandemia globale che continua a manifestarsi.

Il novembre 5, US Right to Know ha intentato una causa contro il National Institutes of Health (NIH) per aver violato le disposizioni del Freedom of Information Act. La causa, depositato presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti a Washington, DC, cerca corrispondenza con o su organizzazioni come il Wuhan Institute of Virology e il Wuhan Center for Disease Control and Prevention, nonché l'EcoHealth Alliance, che ha collaborato con e ha finanziato il Wuhan Institute of Virologia.

US Right to Know è un gruppo di ricerca investigativa senza scopo di lucro incentrato sulla promozione della trasparenza per la salute pubblica. Puoi sostieni la nostra ricerca e i nostri rapporti donando qui