La Corte Suprema della California nega il riesame della perdita del processo Monsanto Roundup

Stampa E-mail Share Tweet

La Corte Suprema della California non esaminerà la vittoria del processo di un uomo californiano contro la Monsanto, infliggendo un altro colpo al proprietario tedesco della Monsanto, la Bayer AG.

Il decisione di negare una revisione nel caso di Dewayne "Lee" Johnson segna l'ultima di una serie di perdite giudiziarie per Bavarese mentre cerca di completare gli accordi con quasi 100,000 querelanti che affermano che ognuno di loro oi loro cari hanno sviluppato un linfoma non Hodgkin a causa dell'esposizione a Roundup e altri diserbanti della Monsanto. Le giurie in ciascuno dei tre processi svolti fino ad oggi hanno riscontrato non solo che la società erbicidi a base di glifosato causare il cancro ma anche che la Monsanto ha passato decenni a nascondere i rischi.

“Siamo delusi dalla decisione della Corte di non rivedere la decisione della corte d'appello intermedia in Johnson e valuterà le nostre opzioni legali per un'ulteriore revisione di questo caso ", ha detto Bayer in una dichiarazione.  

The Miller Firm, Lo studio legale di Johnson con sede in Virginia, ha detto che la decisione della Corte Suprema della California ha negato "l'ultimo tentativo della Monsanto di aggirare la responsabilità" per aver causato il cancro di Johnson.

“Diversi giudici hanno ora confermato la conclusione unanime della giuria secondo cui la Monsanto ha nascosto maliziosamente il rischio di cancro di Roundup e ha causato al signor Johnson di sviluppare una forma mortale di cancro. È giunto il momento per la Monsanto di porre fine ai suoi appelli infondati e di pagare al signor Johnson i soldi che gli deve ", ha detto l'azienda.

Una giuria unanime ha scoperto nell'agosto 2018 che l'esposizione agli erbicidi della Monsanto ha indotto Johnson a sviluppare una forma mortale di linfoma non Hodgkin. La giuria ha inoltre rilevato che la Monsanto ha agito per nascondere i rischi dei suoi prodotti in una condotta così eclatante che la società dovrebbe pagare a Johnson $ 250 milioni di danni punitivi oltre a $ 39 milioni di danni compensativi passati e futuri.

Su appello della Monsanto, il giudice del processo ha ridotto i 289 milioni di dollari a $ 78 milioni. Una corte d'appello ha quindi tagliato il premio a $ 20.5 milioni, citando il fatto che Johnson avrebbe dovuto vivere solo per un breve periodo.

La corte d'appello ha affermato di aver ridotto il risarcimento danni nonostante la scoperta c'erano prove “abbondanti” che il glifosato, insieme agli altri ingredienti nei prodotti Roundup, causasse il cancro di Johnson e che “c'erano prove schiaccianti che Johnson ha sofferto e continuerà a soffrire per il resto della sua vita, dolore e sofferenza significativi. "

Sia la Monsanto che Johnson hanno chiesto il riesame della Corte Suprema della California, con Johnson che ha chiesto il ripristino di un risarcimento danni più elevato e Monsanto che ha cercato di annullare la sentenza del processo.

Bayer ha raggiunto accordi con molti dei principali studi legali che rappresentano collettivamente una quota significativa delle richieste di risarcimento avanzate contro Monsanto. A giugno, Bayer ha dichiarato che avrebbe fornito $ 8.8 miliardi a $ 9.6 miliardi per risolvere il contenzioso.