10 rivelazioni dal diritto statunitense di conoscere le indagini

Stampa E-mail Share Tweet

Si prega di sostenere le nostre indagini alimentari facendo oggi una donazione deducibile dalle tasse. 

Documenti interni Monsanto pubblicato nel 2019 fornisce uno sguardo raro all'interno delle aziende alimentari e di pesticidi che cercano di screditare gruppi di interesse pubblico e giornalisti. I documenti (pubblicati qui) mostrano che la Monsanto e il suo nuovo proprietario, Bayer, erano particolarmente preoccupati per US Right to Know, un gruppo di ricerca senza scopo di lucro che ha iniziato a indagare sull'industria alimentare nel 2015. Secondo uno Documento Monsanto, "Il piano di USRTK avrà un impatto sull'intero settore" e "ha il potenziale per essere estremamente dannoso". Vedi la copertura nel Guardian, "Rivelato: come il "centro di intelligence" della Monsanto ha preso di mira giornalisti e attivisti. "

Dal nostro lancio nel 2015, US Right to Know ha ottenuto centinaia di migliaia di pagine di documenti aziendali e normativi interni che rivelano come le aziende alimentari e di pesticidi lavorano dietro le quinte per manipolare la scienza, il mondo accademico e la politica per aumentare i loro profitti a spese del pubblico salute e ambiente. Il nostro lavoro ha contribuito a tre New York Times indagini, otto documenti accademici sull'influenza aziendale sul nostro sistema alimentare e copertura di notizie in tutto il mondo documentare come una manciata di aziende di cibo spazzatura e pesticidi utilizzi una varietà di tattiche non etiche e ingiuste per sostenere un sistema alimentare malsano e insostenibile. Ecco alcuni dei nostri risultati principali finora.

1. La Monsanto ha finanziato accademici "indipendenti" per promuovere e fare pressioni per i prodotti antiparassitari

US Right to Know ha documentato numerosi esempi di come le aziende di pesticidi facciano molto affidamento su accademici finanziati con fondi pubblici per assistere con le loro PR e le loro pressioni. Prima pagina di settembre 2015 New York Times l'articolo ha rivelato che la Monsanto ha arruolato accademici e li ha pagati segretamente per opporsi alle leggi sull'etichettatura degli OGM. WBEZ ha riportato in seguito un esempio; come un professore dell'Università dell'Illinois ha ricevuto decine di migliaia di dollari dalla Monsanto per promuovere e fare pressioni a favore di OGM e pesticidi, e la sua università ha ricevuto milioni; nessuno di questi fondi è stato divulgato al pubblico.  

Documenti riportati in Boston Globe, Bloomberg e Mother Jones descrivere come la Monsanto ha assegnato, sceneggiato e promosso documenti pro-OGM da professori di Harvard, Cornell e altre università - articoli pubblicati senza menzionare il ruolo della Monsanto. All'università di Saskatchewan, Monsanto ha allenato un professore e ha curato i suoi articoli accademici, secondo documenti riportati by la CBC.  Su richiesta dell'azienda di pubbliche relazioni del settore dei pesticidi, un professore dell'Università della Florida ha prodotto un video che mirava a screditare un adolescente canadese che criticava gli OGM, secondo documenti riportati da Global News. 

vedere il nostro Tracker di propaganda per l'industria dei pesticidi per schede informative basate su documenti della nostra indagine. Molti documenti USRTK vengono pubblicati anche nel file Biblioteche dell'USCF per l'industria alimentare e chimica.

2. Il gruppo scientifico senza scopo di lucro ILSI è un gruppo di pressione per le aziende alimentari e di pesticidi 

A settembre 2019, il New York Times riportato sul “gruppo oscuro dell'industria” International Life Sciences Institute (ILSI) che sta modellando la politica alimentare in tutto il mondo. L'articolo del Times cita a 2019 studio co-autore di Gary Ruskin dell'USRTK che riporta come ILSI opera come gruppo di pressione che promuove l'interesse dei suoi finanziatori dell'industria alimentare e dei pesticidi. Vedi la copertura del nostro studio in il BMJ e The Guardian, e leggi di più sull'organizzazione del Times descritto come "Il più potente gruppo dell'industria alimentare di cui non hai mai sentito parlare" nel nostro Scheda informativa ILSI.

Nel 2017, Ruskin è coautore di un file articolo di giornale rapporti su e-mail che mostrano i leader del settore alimentare che discutono su come "devono utilizzare organizzazioni esterne" quando si tratta di controversie sui rischi per la salute dei loro prodotti. Le e-mail mostrano i leader senior dell'industria alimentare che sostengono un approccio coordinato per influenzare le prove scientifiche, le opinioni degli esperti e le autorità di regolamentazione in tutto il mondo. Vedere Copertura Bloomberg, "Le email mostrano come l'industria alimentare utilizza la" scienza "per spingere la soda."

L'indagine USRTK ha anche stimolato a Storia del 2016 su The Guardian riportando che i leader di un gruppo congiunto FAO / OMS che ha eliminato il glifosato dalle preoccupazioni sul cancro hanno anche ricoperto posizioni di leadership presso ILSI, che ha ricevuto grandi donazioni dall'industria dei pesticidi. 

3. Ultime notizie sui processi Monsanto Roundup e Dicamba

US Right to Know dà spesso notizia degli studi sul cancro Roundup via Il Roundup di Carey Gillam e il Trial Tracker di Dicamba, che fornisce una prima occhiata a documenti di scoperta, interviste e suggerimenti di notizie sulle prove. Più di 42,000 persone hanno intentato una causa contro la Monsanto Company (ora di proprietà di Bayer) sostenendo che l'esposizione all'erbicida Roundup ha causato loro o ai loro cari lo sviluppo di linfoma non Hodgkin e che la Monsanto ha coperto i rischi.

Come parte del processo di scoperta, Monsanto ha sfogliato milioni di pagine dei suoi documenti interni. USRTK pubblica gratuitamente molti di questi documenti e atti giudiziari sul nostro Monsanto Papers pagine.

Dozzine di agricoltori negli Stati Uniti stanno ora citando in giudizio l'ex Monsanto Co. e il conglomerato BASF nel tentativo di ritenere le aziende responsabili per milioni di acri di danni alle colture che gli agricoltori sostengono siano dovuti al diffuso uso illegale del dicamba chimico che uccide le erbacce. Nel 2020 abbiamo anche iniziato a pubblicare il file Dicamba Papers: documenti chiave e analisi dalle prove.

4. I principali funzionari del CDC hanno collaborato con Coca-Cola per plasmare il dibattito sull'obesità e hanno consigliato a Coca-Cola come impedire all'OMS di reprimere gli zuccheri aggiunti

I documenti ottenuti da US Right to Know hanno portato a un altro articolo in prima pagina del New York Times nel 2017 riferiva che la nuova direttrice dei Centri statunitensi per il controllo delle malattie, Brenda Fitzgerald, vedeva la Coca-Cola come un alleato sui problemi di obesità (Fitzgerald si è poi dimesso). 

L'USRTK è stato anche il primo a riferire nel 2016 che un altro funzionario di alto rango del CDC aveva legami molto stretti con la Coca-Cola e ha cercato di aiutare la società a guidare l'Organizzazione Mondiale della Sanità lontano dai suoi sforzi per scoraggiare il consumo di zuccheri aggiunti; vedere segnalazione di Carey Gillam, direttore della ricerca di US Right to Know. Il nostro lavoro ha anche contribuito a uno studio del Milbank Quarterly, co-autore di Gary Ruskin, che descrive in dettaglio le conversazioni tra i dirigenti del CDC e della Coca-Cola. Due beni in il BMJ basato su documenti USRTK e articoli in Il Washington Post, Atlanta Journal Costituzione, San Diego Union Tribune, Forbes, CNN, Politico e L'intercettazione fornire maggiori dettagli sull'influenza della Coca-Cola presso l'agenzia di sanità pubblica statunitense che dovrebbe aiutare a prevenire l'obesità, il diabete di tipo 2 e altre malattie.   

5. La FDA statunitense ha rilevato residui di glifosato nel miele, nei cereali per neonati e in altri alimenti comuni, quindi ha interrotto i test per la sostanza chimica   

La FDA non ha rilasciato le informazioni, così ha fatto USRTK.

Carey Gillam ha dato la notizia nel Huffington Post, Il guardiano e USRTK sui documenti governativi interni ottenuti tramite le richieste del Freedom of Information Act che mostrano che la FDA degli Stati Uniti ha condotto test che hanno trovato il glifosato diserbante in una serie di alimenti comunemente consumati tra cui muesli, cracker, cereali per neonati e in livelli molto elevati nel miele.  La FDA non ha rilasciato le informazioni, così ha fatto USRTK. Il governo ha quindi sospeso il suo programma di test per i residui di glifosato negli alimenti, Gillam ha riferito.

La FDA ha ripreso i test e alla fine del 2018 e ha pubblicato un rapporto che mostrava test molto limitati e non riportava livelli preoccupanti di glifosato. Il rapporto non includeva nessuna delle informazioni fornite da USRTK tramite FOIA.

6. Le società di pesticidi hanno finanziato segretamente un gruppo accademico che ha attaccato l'industria biologica 

Un gruppo che si fa chiamare Academics Review ha fatto notizia nel 2014 con un rapporto che attaccava l'industria del biologico come una truffa di marketing. Il gruppo ha affermato di essere gestito da accademici indipendenti e non ha accettato contributi aziendali; però, documenti ottenuti da USRTK e riportato nel Huffington Post ha rivelato che il gruppo è stato istituito con l'aiuto della Monsanto per essere un gruppo di facciata finanziato dall'industria in grado di screditare i critici di OGM e pesticidi.

I registri fiscali mostrano che Academics Review ha ricevuto la maggior parte dei finanziamenti dal Council for Biotechnology Information (CBI), un gruppo commerciale finanziato dalle più grandi aziende mondiali di pesticidi.

7. Le università hanno ospitato conferenze finanziate dall'industria dei pesticidi per formare scienziati e giornalisti su come promuovere OGM e pesticidi 

I "campi di addestramento" finanziati dall'industria dei pesticidi presso l'Università della Florida e l'Università della California, Davis hanno riunito scienziati, giornalisti e alleati delle PR del settore per discutere su come "connettersi emotivamente con i genitori scettici"Nei loro messaggi per promuovere OGM e pesticidi, secondo documenti ottenuti da US Right to Know. 

Due gruppi di facciata del settore, Progetto di alfabetizzazione genetica e Recensione accademica, ha organizzato gli eventi di formazione sulla messaggistica e ha affermato che i finanziamenti provenivano da fonti governative, accademiche e industriali; tuttavia, secondo il rapporto in The Progressive, fonti non industriali hanno negato di finanziare gli eventi e l'unica fonte di fondi rintracciabile è stata il gruppo commerciale dell'industria dei pesticidi CBI, che ha speso più di $ 300,000 per le due conferenze. 

8. La Coca-Cola ha tentato segretamente di influenzare i giornalisti medici e scientifici

Documenti ottenuti da US Right to Know e riportato nel BMJ mostrano come la Coca-Cola abbia finanziato conferenze di giornalismo presso un'università degli Stati Uniti nel tentativo di creare una copertura mediatica favorevole di bevande zuccherate. Quando sono stati interrogati sul finanziamento della serie di conferenze, gli accademici coinvolti non erano sinceri sul coinvolgimento dell'industria. 

9. La Coca Cola si vedeva in "guerra" con la comunità della sanità pubblica per l'obesità 

Un altro articolo di giornale scritto in collaborazione con Gary Ruskin di USRTK in Journal of Epidemiology e Community Health ha rivelato come la Coca-Cola si considerava in "guerra" con la "comunità della salute pubblica". Le e-mail rivelano anche i pensieri dell'azienda su come affrontare i problemi che circondano l'obesità e la responsabilità per questa crisi di salute pubblica; per ulteriori informazioni, vedere l'articolo di Ruskin in Notizie Environmental Health e altri articoli di riviste co-autore di USRTK su la nostra pagina Lavoro accademico. 

10. Decine di accademici e altri alleati del settore coordinano i loro messaggi con le aziende agricole chimiche e con i loro agenti di pubbliche relazioni

I documenti ottenuti da US Right to Know rivelano fatti mai riportati prima sui gruppi di facciata, accademici e altri alleati di terze parti su cui le aziende di pesticidi e alimentari fanno affidamento per promuovere le loro pubbliche relazioni e le loro agende di lobbismo. USRTK fornisce schede informative dettagliate su oltre due dozzine di importanti alleati di terze parti che sembrano essere indipendenti, ma lavorano a stretto contatto con le aziende e le loro società di PR su messaggi coordinati a favore dell'industria. Vedi la nostra scheda informativa, Monitoraggio della rete di propaganda dell'industria agrochimica. 

Aiutaci a continuare le indagini USRTK! Ora puoi contribuire alle nostre indagini tramite Patreon e PayPal. per favore Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti regolari sui nostri risultati e unisciti a noi su Instagram, Facebook e Twitter per ulteriori discussioni sul nostro sistema alimentare.