Affari squallidi: cosa nasconde Big Food con la sua campagna di PR sugli OGM

Stampa E-mail Share Tweet

Per il rilascio immediato: martedì 20 gennaio 2015
Per ulteriori informazioni, contattare: Gary Ruskin (415) 944-7350

Scarica il rapporto su https://usrtk.org/seedybusiness.pdf

Scarica il rapporto su https://usrtk.org/seedybusiness.pdf

US Right to Know, una nuova organizzazione senza scopo di lucro, ha pubblicato un file nuovo rapporto oggi sulla campagna di pubbliche relazioni di Big Food per difendere gli OGM: come ha manipolato i media, l'opinione pubblica e la politica con tattiche squallide, ha comprato scienza e spinte pubbliche.

Dal 2012, le industrie agrochimiche e alimentari hanno organizzato una campagna di pubbliche relazioni, pubblicità, lobbismo e politica complessa e sfaccettata negli Stati Uniti, che costa più di $ 100 milioni, per difendere gli alimenti e le colture geneticamente modificati e i pesticidi che li accompagnano. Lo scopo di questa campagna è ingannare il pubblico, deviare gli sforzi per ottenere il diritto di sapere cosa c'è nel nostro cibo attraverso l'etichettatura che è già richiesta in 64 paesi e, in definitiva, estendere il loro flusso di profitti il ​​più a lungo possibile.

Questa campagna ha fortemente influenzato il modo in cui i media statunitensi trattano gli OGM. La società di pubbliche relazioni del settore, Ketchum, si è persino vantata che "la copertura mediatica positiva è raddoppiata" sugli OGM.

Il progetto rapporto delinea quindici cose che Big Food sta nascondendo con la sua abile campagna di pubbliche relazioni sugli OGM.

# 1: Le aziende agrochimiche hanno una storia di occultamento dei rischi per la salute al pubblico. Di volta in volta, le aziende che producono OGM hanno nascosto ai consumatori e ai lavoratori la verità sui pericoli dei loro prodotti e delle loro operazioni. Quindi come possiamo fidarci di loro per dirci la verità sui loro OGM?

# 2: La FDA non verifica se gli OGM sono sicuri. Si limita a esaminare le informazioni fornite dalle società agrochimiche.

# 3: La politica permissiva della nostra nazione sugli OGM è opera della crociata anti-normativa dell'ex vicepresidente Dan Quayle. È stato progettato e consegnato come favore politico alla Monsanto.

# 4: Cosa hanno in comune le industrie agricole e del tabacco: aziende di pubbliche relazioni, operatori, tattiche. La recente campagna di pubbliche relazioni dell'industria agrochimica è simile per certi versi alla più famigerata campagna di pubbliche relazioni dell'industria del tabacco: lo sforzo dell'industria del tabacco per eludere la responsabilità per la morte di centinaia di migliaia di americani ogni anno.

# 5: La società di pubbliche relazioni russa gestisce la grande salva di pubbliche relazioni dell'industria agrochimica sugli OGM. Non ci fidiamo della società di pubbliche relazioni Ketchum quando gira per la Russia e il presidente Putin. Perché dovremmo fidarci della sua interpretazione degli OGM?

# 6: I principali gruppi di facciata e gli scagnozzi dell'industria agrochimica non sono affidabili. Molti dei principali sostenitori del settore hanno precedenti di difendere l'indifendibile, o altri scandali e comportamenti che non ispirano fiducia.

# 7: Le compagnie agrochimiche hanno impiegato ripugnanti tattiche di pubbliche relazioni. Queste tattiche includono attacchi a scienziati e giornalisti e il lavaggio del cervello ai bambini.

# 8: Le compagnie agrochimiche hanno una potente e squallida macchina politica. Hanno alleati nelle alte sfere e impiegano il loro potere con forza - e talvolta in modo corrotto - per proteggere ed espandere i loro mercati e i loro profitti dagli OGM.

# 9: La metà delle sei grandi aziende agricole non può nemmeno coltivare i propri OGM nei propri paesi d'origine. A causa dei rischi per la salute e l'ambiente degli OGM, i cittadini tedeschi e svizzeri non consentiranno la coltivazione di semi OGM di BASF, Bayer e Syngenta.

# 10: La Monsanto ha sostenuto l'etichettatura degli OGM nel Regno Unito, ma si oppone negli Stati Uniti. Sebbene Monsanto abbia sede a St. Louis, nel Missouri, Monsanto ritiene che i cittadini britannici meritino diritti dei consumatori più forti rispetto agli americani.

# 11: Il tapis roulant dei pesticidi genera profitti, quindi probabilmente si intensificherà. È nell'interesse finanziario delle aziende agrochimiche promuovere l'evoluzione e la diffusione delle superalghe e dei superparassiti più pestilenziali, perché questi stimoleranno la vendita delle maggiori quantità dei pesticidi più costosi.

# 12: La scienza degli OGM è in vendita. La scienza può essere influenzata, acquistata o influenzata dall'industria agrochimica in molti modi, come sopprimere risultati negativi, danneggiare le carriere degli scienziati che producono tali risultati, controllare i finanziamenti che danno forma alla ricerca condotta, la mancanza di test indipendenti con sede negli Stati Uniti. dei rischi per la salute e l'ambiente degli OGM e contaminare le revisioni scientifiche degli OGM a causa di conflitti di interesse.

# 13: Non ci sono quasi benefici per i consumatori degli OGM. Gli OGM che mangiano gli americani non sono più sani, più sicuri o più nutrienti dei cibi convenzionali. Non hanno un aspetto migliore, né hanno un sapore migliore. In qualsiasi misura a cui i consumatori si interessano effettivamente, non rappresentano in alcun modo un miglioramento. I profitti degli OGM vanno alle aziende agrochimiche, mentre i rischi per la salute sono a carico dei consumatori.

# 14: La FDA e le aziende alimentari si sono sbagliate prima: ci hanno assicurato la sicurezza di prodotti che non erano sicuri. Molti farmaci e additivi alimentari che la FDA ha consentito sul mercato sono stati successivamente vietati perché tossici o pericolosi.

# 15: Alcune altre cose che l'industria agrochimica non vuole che tu sappia su di loro: crimini, scandali e altri illeciti. Le sei principali aziende dell'industria agraria - Monsanto, Syngenta, Dow, DuPont, Bayer e BASF - sono state coinvolte in così tante attività riprovevoli che documentarle richiederebbe almeno un intero libro.

US Right to Know è una nuova organizzazione alimentare senza scopo di lucro. Esponiamo ciò che le aziende alimentari non vogliono che sappiamo del nostro cibo. Ci battiamo per il diritto di sapere cosa c'è nel nostro cibo. Portiamo responsabilità a Big Food e ai suoi politici compiacenti. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro sito Web all'indirizzo usrtk.org.

-30-