Documenti FOI sulle origini di SARS-CoV-2, sui rischi della ricerca sul guadagno di funzione e sui laboratori di biosicurezza

Stampa E-mail Share Tweet

Il diritto degli Stati Uniti di sapere è ricercare le origini della SARS-CoV-2, i rischi dei laboratori di biosicurezza e la ricerca sul guadagno di funzione, che mira ad aumentare l'infettività o la letalità di potenziali patogeni pandemici. Pubblichiamo aggiornamenti e nuove scoperte su il nostro blog sui rischi biologici.

Influenza aziendale presso l'Università del Saskatchewan: il professor Peter Phillips e il suo segreto "diritto di conoscere il simposio"

Stampa E-mail Share Tweet

Decine di migliaia di pagine di documenti interni ottenuti da US Right to Know tramite richieste di registri pubblici, rivelano gli stretti - e spesso segreti - legami tra Monsanto, i suoi gruppi di PR e un gruppo di professori che promuovono OGM e pesticidi. In un esempio, l'indagine ha rivelato dettagli sul lavoro con la Monsanto Peter WB Phillips, Distinguished Professor presso il Johnson Shoyama Graduate School of Public Policy, Università di Saskatchewan.

Le rivelazioni includevano prove che i dipendenti della Monsanto assegnato e modificato un articolo che Phillips ha scritto e ha partecipato a un "simposio" chiuso al pubblico Phillips si è organizzato presso la U of S per discutere le sfide della trasparenza relative alle partnership di settore. Gli eventi hanno sollevato preoccupazioni sull'influenza dell'industria presso l'università finanziata con fondi pubblici e hanno spinto alcuni colleghi membri di facoltà e altri a lanciare una sfida legale per cercare di ottenere la trascrizione del "diritto di conoscere il simposio".

Questa scheda informativa fornisce informazioni di base su questi eventi e documenti relativi alla sfida legale e all'indagine sui registri pubblici. La U of S ha affermato di aver rivisto il lavoro di Phillips nel contesto delle politiche di etica della ricerca dell'università. Di conseguenza, Phillips è stato "assolto da qualsiasi illecito", secondo CBC News.

Copertura di notizie

Le collaborazioni di Monsanto mancavano di trasparenza  

I documenti ottenuti tramite documenti pubblici richiedono email scoperte che descrivono parte del lavoro di Phillips con Monsanto. Di seguito è riportata una panoramica dei risultati e delle attività relative ai documenti.

Nel 2014, Eric Sachs, capo degli affari scientifici globali della Monsanto, ha reclutato Phillips e altri sei professori per scrivere riassunti politici sugli OGM. Le e-mail mostrano che i dipendenti della Monsanto titoli e schemi suggeriti per i giornali, ha modificato il lavoro di Phillips, ha assunto una società di pubbliche relazioni e si è accordato con far pubblicare i documenti e promosso tramite Progetto di alfabetizzazione genetica sito web, che ha fatto nessuna menzione del ruolo di Monsanto. Phillips ha detto alla CBC non ha mai ricevuto pagamenti dalla Monsanto e sta dietro a qualsiasi scritta con il suo nome sopra.

Nel 2015, Phillips ha invitato i dipendenti Monsanto, alleati chiave del settore PR, selezionare docenti e dipendenti universitari per un "Simposio sulla gestione della ricerca e il diritto alla conoscenza" presso la U of S per discutere le leggi sulla libertà di informazione e le implicazioni per i partenariati accademici-industriali. L'elenco degli inviti è stato redatto in consultazione con Cami Ryan di Monsanto. L'evento è stato chiuso al pubblico e l'università ha rifiutato di rilasciare dettagli al riguardo.

Nel 2017, un gruppo che si fa chiamare Academic Integrity Legal Group, composto da docenti e altri affiliati alla U of S, ha cercato di ottenere la trascrizione ma ha affermato di essere "ostacolato dall'università". Redazioni pesanti, con circa 85% della trascrizione oscurato, "indica un insabbiamento intenzionale", il ha scritto in una petizione pubblica che ha raccolto più di 1,800 firme.

Parte della trascrizione redatta del "Simposio sulla gestione della ricerca e il diritto alla conoscenza"

Il caso della trascrizione redatta è stato esaminato da Ron Kruzeniski, il Commissario per le informazioni e la privacy del Saskatchewan. In un mese di giugno 2018 Kruzeniski ha detto che l'università non ha applicato in modo appropriato la legge sui registri pubblici e ha raccomandato il rilascio di una parte maggiore della trascrizione. L'università ha rifiutato di fornirlo, provocando una sfida legale da D'Arcy Hande, un archivista in pensione presso la U of S, per conto del gruppo Academic Integrity. La sfida legale, che US Right to Know ha contribuito a finanziare, non ha avuto successo, con la sentenza del tribunale che "c'era una regola di base per il simposio che ha stabilito un ambiente di riservatezza".

Hande ha affermato in un'intervista che il simposio sembrava essere una discussione franca su come controllare la narrativa, piuttosto che rispondere alle preoccupazioni, sulle collaborazioni dell'industria dei pesticidi con l'università. Poiché U of S è finanziato pubblicamente, crede che il pubblico abbia il diritto di sapere di cosa si è discusso.

"È come un vecchio club per ragazzi."

La sentenza della corte è preoccupante, ha detto Hande, a causa della sua enfasi sull'uso della Chatham House Rule (un accordo informale utilizzato per favorire discussioni libere di argomenti sensibili) come motivo per cui le informazioni dovrebbero rimanere private. "Il fatto che il giudice abbia ritenuto opportuno che un'università pubblica si riunisse con i rappresentanti del settore sul pubblico da dieci centesimi di dollaro per parlare liberamente senza requisiti di trasparenza secondo la regola di Chatham House, è scioccante in realtà", ha detto Hande. "È come un vecchio club per ragazzi." 

Documenti 

Trascrizione redatta del "Simposio sulla gestione della ricerca e il diritto alla conoscenza" dell'U of S 

Rapporto di revisione 298-2017 Office of the Information and Privacy Commissioner Saskatchewan

Petizione pubblica da Academic Integrity Legal Group

Court of Queen's Bench Giudizio, Hande vs U di S

E-mail relative al simposio

Invitare i partner di PR del settore a U of S (Ottobre 2015). Phillips ha descritto la sua intenzione di organizzare il simposio intorno alla visita di Jon Entine (Progetto di alfabetizzazione genetica) e Il professor Kevin Folta dell'Università della Florida (due difensori chiave di OGM e pesticidi che hanno lavorato a stretto contatto con gruppi industriali mentre si dichiaravano indipendenti). Phillips ha scritto a Entine e Folta: “Quando ho saputo che sareste stati entrambi in città, mi è sembrata un'opportunità perfetta per convocare un piccolo simposio di ricerca per discutere il movimento RTK [diritto alla conoscenza] e il suo potenziale effetto sulle partnership tra industria e accademico. "

Background, agenda, partecipanti (Novembre 2015). Phillips ha inviato un'e-mail a Entine, Folta, due dipendenti della Monsanto e altri che descrivono la necessità di riunirsi per discutere di un maggiore controllo delle partnership tra industria e accademici. I nomi della maggior parte degli invitati e dei partecipanti non appartenenti agli Stati Uniti vengono oscurati.

Monsanto suggerisce gli invitati (Novembre 2015). Cami Ryan della Monsanto ha fornito suggerimenti per l'elenco degli inviti.

E-mail relative a documenti Monsanto / Genetic Literacy Project 

Monsanto ha assegnato i documenti (Agosto 2013). Eric Sachs della Monsanto ha scritto a un gruppo di professori tra cui Phillips: "Ho avviato un progetto importante per produrre una serie di brevi riassunti politici su argomenti importanti nell'arena della biotecnologia agricola ... gli argomenti sono stati selezionati a causa della loro influenza sulla politica pubblica, colture GM regolamentazione e accettazione dei consumatori. " Ha chiesto a Phillips di scrivere di come "una regolamentazione troppo gravosa" degli OGM "soffoca l'innovazione ... importante per aiutare a sostenere la sicurezza alimentare globale".

La richiesta urgente di Monsanto di andare avanti (9 settembre 2014). Sachs ha inviato un'e-mail a Phillips per esortarlo a rivedere le modifiche proposte al suo articolo. Il "progetto è su un percorso più forte ora", ha scritto Sachs. Ha spiegato la strategia “per collegare le 'prospettive' dell'autore da questa serie di riassunti alla controversia sulle colture GM e sugli alimenti che crediamo sarà innescata nelle prossime settimane dal nuovo rapporto del gruppo NRC sulle colture GM. La prossima settimana è la prima di due udienze pubbliche presso la NAS [National Academy of Sciences] degli Stati Uniti a Washington e un virtuale chi è chi dei critici delle colture GM testimonierà ". Sachs ha notato che il Genetic Literacy Project "è ora lo sbocco principale" per i giornali e stava "costruendo un piano di merchandising" con l'aiuto di una società di pubbliche relazioni.

Monsanto ha suggerito modifiche (18 settembre 2014). Phillips ha discusso dei suoi progressi incorporando modifiche e cambiamenti da Cami Ryan della Monsanto nel suo brief politico.

Pianificazioni assegnate all'azienda di pubbliche relazioni (Agosto 2013). Beth Ann Mumford di CMA Consulting, una società di pubbliche relazioni che lavora con Monsanto, ha discusso orari e scadenze con i professori. (CMA, che da allora è stato rinominato Guarda ad est è di proprietà di Charlie Arnot, CEO dell'industria alimentare finanziata spin group Center for Food Integrity.)

Nessuna rivelazione del ruolo della Monsanto (11 dicembre 2014). Il documento di Phillips, intitolato "Conseguenze economiche dei regolamenti delle colture GM" è pubblicato dal Genetic Literacy Project senza rivelare il ruolo della Monsanto.

Finanziamento aziendale

Sebbene Phillips abbia affermato di non ricevere finanziamenti diretti dalle società, la sua ricerca sembra ricevere un sostegno aziendale. Il Global Institute for Food Security (GIFS), a istituto di ricerca finanziato da il governo di Saskatchewan, l'Università di Saskatchewan e Nutrien, una società di fertilizzanti, elenca Phillips tra i suoi ricercatori affiliati. Secondo Phillips pagina di facoltà, il suo finanziamento di ricerca più recente coinvolge le partnership con Stuart Smyth, professore associato presso la U of S che detiene la cattedra di ricerca finanziata dall'industria in innovazione agroalimentare. Quello posizione è finanziata da Bayer CropScience Canada, CropLife Canada, Monsanto Canada, Saskatchewan Canola Development Commission e Syngenta Canada.

Il finanziamento di Phillips rileva due partnership con Smyth: $ 675,000 per un "GIFS-CSIP Partnership strategica "e" finanziamento rinnovato per il progetto di manutenzione per le scienze sociali nell'ambito del Designing Crops for Global Food Security, $ 37.5 milioni "dal Canada First Research Excellence Fund Programme (con un budget di $ 1.31 milioni). Quest'ultimo è un file progetto finanziato con fondi pubblici il GIFS, la partnership pubblico-privata che coinvolge U of S, il governo locale e la società di fertilizzanti Nutrien (ex Potash Corp), che pubblicizza i suoi prodotti come necessario per la sicurezza alimentare.

Informazioni correlate  

  • I legami dell'industria agrochimica e il finanziamento di Stuart Smyth, Cattedra di ricerca finanziata dall'industria in Innovazione agroalimentare presso l'Università del Saskatchewan, scheda informativa sul diritto alla conoscenza degli Stati Uniti (6.1.20)
  • Boston Globe: Il professore di Harvard non è riuscito a rivelare la connessione con Monsanto in Paper Touting OGM, di Laura Krantz
  • Madre Jones: Queste e-mail mostrano che la Monsanto si appoggia ai professori per combattere la guerra alle pubbliche relazioni OGM, di Tom Philpott
  • Bloomberg: Come la Monsanto ha mobilitato gli accademici per scrivere articoli a sostegno degli OGM, di Jack Kaskey
  • Archivio documenti UCSF industria chimica contiene 59 documenti che coinvolgono le comunicazioni di Phillips con l'industria e gli alleati del settore. I documenti fanno parte dell'industria agrochimica collezione donata da US Right to Know.

Citazioni  

"La nostra università non dovrebbe funzionare come una stazione di scellini per gli interessi aziendali e come un antagonista quasi sprezzante del Commissario provinciale per l'informazione e la privacy ... le cui raccomandazioni ha contestato così arrogantemente in tribunale."

Len Findlay, Distinguished Professor Emeritus, U of S (LTE, The Sheaf)

La sentenza della corte “rafforza la tutela della libertà accademica e della privacy. La libertà accademica consente ai membri della nostra università di perseguire la ricerca e le idee, anche quelle controverse o impopolari, senza timore di interferenze ".

Karen Chad, vicepresidente per la ricerca dell'U of S (Il covone)

"Penso che la maggior parte degli esperti di etica accademica sarebbe nauseata dallo stretto rapporto [di Phillips] con la Monsanto".

Il consulente di Saskatoon Steven Lewis, coautore di un ampiamente citato
Articolo del Canadian Medical Association Journal about
rapporti università-industria (CBC)

“Sono inorridito perché [l'influenza delle aziende nelle università pubbliche] sembra peggiorare. C'è un vero problema qui. "

Howard Woodhouse, professore di educazione della U of S,
autore Selling Out: Academic Freedom and the Corporate Market (CBC)

“Incoraggiamo la nostra facoltà a tradurre le loro conoscenze in arene politiche. Questo è esattamente ciò che ha fatto il Prof. Phillips. "

Jeremy Rayner, ex direttore, Johnson Shoyama Graduate School of Public Policy (CBC)

La campagna della Monsanto contro il diritto degli Stati Uniti di sapere: leggere i documenti

Stampa E-mail Share Tweet

Aiutaci a continuare a scovare documenti che le più grandi aziende mondiali di pesticidi e biotecnologie non vogliono che tu veda con un file donazione deducibile dalle tasse.

I documenti interni rilasciati nell'agosto 2019 forniscono uno sguardo raro sui meccanismi di pubbliche relazioni della Monsanto e su come la società abbia cercato di contenere un file indagine condotta da US Right to Know nei suoi rapporti con accademici e le migliori università. USRTK, un gruppo di ricerca investigativa, dal 2015 ha inoltrato numerose richieste di documenti pubblici ad università e accademici finanziati dai contribuenti, portando a rivelazioni sulle collaborazioni segrete del settore.

I documenti Monsanto sono pubblicati qui e puoi leggere di più sul risultati delle indagini USRTK qui

I documenti rivelano che Monsanto era preoccupato, "il piano di USRTK avrà un impatto sull'intero settore" e ha il "potenziale per essere estremamente dannoso". Quindi hanno impiegato 11 dipendenti Monsanto, due società di PR, Risposte sugli OGM e ha coinvolto la principale azienda di pesticidi al mondo in piani per screditare la piccola organizzazione non profit.

La Monsanto ha anche adottato una strategia per contrastare le segnalazioni di Carey Gillam e di lei libro investigativo sul business degli erbicidi dell'azienda. Gillam è direttore della ricerca presso USRTK. Monsanto aveva un Foglio di calcolo "Carey Gillam Book", con più di 20 azioni dedicate all'opposizione il suo libro prima della sua pubblicazione. La compagnia ha anche indagato sul cantante Neil Young. Vedi copertura:

Il piano della Monsanto per screditare USRTK: documenti interni, temi chiave 

La Monsanto era profondamente preoccupata per l'indagine FOIA del co-direttore dell'USRTK Gary Ruskin e aveva un piano elaborato per contrastarla. 

Monsanto temeva che i FOIA scoprissero la sua influenza nel processo normativo e politico, nei pagamenti agli accademici e alle loro università e nelle collaborazioni con gli accademici a sostegno degli obiettivi di pubbliche relazioni del settore. La Monsanto voleva proteggere la sua reputazione e "libertà di operare" e "posizionare" l'indagine come "un attacco all'integrità scientifica e alla libertà accademica".

  • "Il piano di USRTK avrà un impatto sull'intero settore e dovremo coordinarci da vicino con BIO e CBI / GMOA durante tutto il processo di pianificazione e su eventuali risposte", secondo Monsanto "Diritto degli Stati Uniti di conoscere il piano di comunicazione FOIA"Del 25 luglio 2019. BIO è l'associazione di categoria dell'industria biotecnologica e Council for Biotechnology Information / GMO Answers è un programma di marketing per promuovere gli OGM gestito dalla società di pubbliche relazioni Ketchum e finanziato dalle più grandi aziende agriche - BASF, Bayer (che ora possiede Monsanto), Corteva (una divisione di DowDuPont) e Syngenta.

Le aziende hanno lanciato GMO Answers come un'iniziativa di trasparenza per rispondere alle domande sugli OGM con la voce di "esperti indipendenti", tuttavia i documenti qui descritti, insieme a un piano Monsanto PR precedentemente rilasciato, suggeriscono che la Monsanto si affidi a GMO Answers come veicolo per spingere la messaggistica dell'azienda.

Da pagina 2, "Monsanto Company Confidential ... Diritto degli Stati Uniti di conoscere il piano di comunicazione FOIA"

  • "Qualsiasi situazione relativa a questo problema ha il potenziale per essere estremamente dannosa, indipendentemente da quanto possano sembrare benigne le informazioni", secondo un GMO Answers Communications Plan nel documento (pagina 23).

  • "* Caso peggiore *": "L'e-mail grave illustra quale sarebbe la pistola fumante del settore (ad esempio, l'e-mail mostra che esperti / aziende nascondono ricerche poco lusinghiere o mostrano che gli OGM sono pericolosi / dannosi)" (pagina 26)

  • Il piano prevedeva l'attivazione di "chiamate di emergenza" con il comitato direttivo di GMO Answers se il raggiungimento / escalation fosse abbastanza serio. (pagina 23)
  • In alcuni casi, i dipendenti della Monsanto si aspettavano l'accesso ai documenti prima che US Right to Know, anche se USRTK aveva richiesto i documenti tramite FOI statale. Per le richieste di UC Davis: "Avremo una visione preliminare dei documenti". (pagina 3)
  • 11 dipendenti Monsanto di 5 dipartimenti; due membri dello staff del gruppo commerciale BIO e un membro dello staff di GMO Answers / Ketchum sono stati elencati come "contatti chiave" nel piano (pagina 4). Due dipendenti di FleishmanHillard sono stati coinvolti nell'elaborazione del piano (vedere email dell'agenda).

La Monsanto era anche preoccupata per il libro di Carey Gillam e ha cercato di screditarlo.

Molti dei documenti appena rilasciati si riferiscono agli sforzi della Monsanto per contrastare la segnalazione di Carey Gillam e del suo libro che indaga sul business degli erbicidi dell'azienda: “Whitewash: la storia di un diserbante, il cancro e la corruzione della scienza"(Island Press, 2017). Gillam è un ex giornalista di Reuters e attuale direttore della ricerca di US Right to Know.

I documenti includono quelli della Monsanto  20 pagine "Gestione dei problemi / Strategia di comunicazione" per il libro di Gillam, con otto membri dello staff della Monsanto assegnati alla preparazione per l'uscita di ottobre 2017 del libro di Gillam. La strategia era di "ridurre al minimo la copertura mediatica e la pubblicità di questo libro quest'estate / autunno indicando le" verità "sull'agricoltura ..." 

An Foglio di lavoro Excel intitolato "Project Spruce: Carey Gillam Book" descrive 20 azioni, con piani che includono il posizionamento a pagamento di un post da visualizzare su Google con una ricerca di "Monsanto glyphosate Carey Gillam", generando recensioni negative sui libri e prevede di "coinvolgere le autorità di regolamentazione" e "terze parti pro-scienza" Compreso Senso della scienza, Science Media Center, il Global Farmer Network e la "Campaign for Accuracy in Public Health Research", un progetto dell'American Chemistry Council.

I documenti rivelano l'esistenza del Monsanto Corporate Engagement Fusion Center. 

Monsanto prevedeva di "collaborare con il Fusion Center per monitorare le proprietà digitali di USRTK, il volume e il sentiment relativi a USRTK / FOIA, nonché il coinvolgimento del pubblico". (pagina 9) Per ulteriori informazioni sui centri di fusione aziendale, vedere:

Monsanto fa frequenti riferimenti alla collaborazione con terze parti per contrastare USRTK.

Altri menzionati nei piani includevano:

Elenco dei documenti appena rilasciati

La campagna della Monsanto per contrastare l'indagine sui registri pubblici del diritto statunitense di sapere

Monsanto US Right to Know FOIA Communications Plan 2019
25 luglio 2019: piano strategico di 31 pagine della Monsanto per contrastare l'indagine FOIA. “Il piano di USRTK avrà un impatto sull'intero settore…. Qualsiasi situazione relativa a questo problema ha il potenziale per essere estremamente dannosa ... "

Ordine del giorno della riunione Monsanto USRTK FOIA
15 maggio 2016: ordine del giorno per una riunione per discutere i FOIA di USRTK con otto dipendenti Monsanto e due dipendenti di FTI Consulting.

Monsanto Comprehensive USRTK FOIA Preparazione e Piano Reattivo 2016
15 maggio 2016: prima bozza della strategia della Monsanto per affrontare i FOIA (35 pagine).

Risposta della Monsanto all'articolo FOIA
1 febbraio 2016: i dipendenti della Monsanto hanno elaborato un piano di comunicazione per fornire una "visione di 10,000 piedi" di come la Monsanto lavora con gli scienziati del settore pubblico e / o fornisce finanziamenti ai programmi del settore pubblico, ma non i dettagli su quali università finanziano o quanto. Il piano rispondeva a un articolo Carey Gillam ha scritto per USRTK, sulla base di documenti ottenuti da FOIA, riferendo sui fondi non divulgati della Monsanto al professor Bruce Chassy dell'Università dell'Illinois.

Lingua sfortunata AgBioChatter Biofortified ragazzi

  • Settembre 2015: discussione sul linguaggio "sfortunato" utilizzato da un rappresentante del settore per comunicare con gli accademici e se AgBioChatter, un elenco di accademici e rappresentanti del settore, era privato o riservato. Karl Haro von Mogel del Gruppo di promozione OGM Biofortified consigliato ai membri di AgBioChatter di accettare "The Ruskin Cleanse" delle loro e-mail private per evitare divulgazioni dannose tramite FOIA.
  • Bruce Chassy ha condiviso con l'elenco AgBioChatter le sue risposte a un fact checker per Mother Jones ("Ho intenzione di rispondere senza fornire le informazioni richieste") e la sua corrispondenza con Carey Gillam in risposta alle sue domande per Reuters sui suoi legami con l'industria.

I piani della Monsanto per screditare il libro di Carey Gillam

"Strategia di comunicazione / gestione delle questioni riservate della società Monsanto" per Carey Gillam's Book (ottobre 2017)

Foglio di calcolo Excel "Project Spruce: Carey Gillam Book" con 20 azioni (Settembre 11, 2017)

I dipendenti di Monsanto e FTI Consulting discutono del piano d'azione Gillam (Settembre 11, 2017)

Piani di preparazione video della Monsanto per il libro di Gillam

La Monsanto respinge gli editori della Reuters
1 ottobre 2015: Email di Sam Murphey della Monsanto: “Continuiamo a respingere con forza i suoi editori ogni volta che ne abbiamo la possibilità. E speriamo tutti per il giorno in cui verrà riassegnata. "

Roundup "Gestione della reputazione"

Gestione della reputazione per Roundup 2014
Febbraio 2014: "Riepilogo delle sessioni di gestione della reputazione L&G, Lione, febbraio 2014", con diapositive che descrivono ciò per cui "vogliamo essere conosciuti / con cui vogliamo evitare di essere collegati" e cosa è necessario per vincere la discussione sulla sicurezza del glifosato .  "Domanda ... stiamo solo gestendo e ritardando il declino (come il tabacco)?"

Diapositiva di gestione della reputazione Roundup 2014:

Background sulle indagini statunitensi sul diritto alla conoscenza

US Right to Know è un gruppo di ricerca investigativa senza scopo di lucro focalizzato sull'industria alimentare. Dal 2015, abbiamo ottenuto centinaia di migliaia di pagine di documenti aziendali e normativi tramite il Freedom of Information Act (FOIA), le richieste di documenti pubblici statali e internazionali degli Stati Uniti e gli informatori. Questi documenti fanno luce su come le aziende alimentari e agrochimiche lavorano dietro le quinte con accademici e università finanziati con fondi pubblici, gruppi di facciata, agenzie di regolamentazione e altri alleati di terze parti per promuovere i loro prodotti e fare pressioni per la deregolamentazione.

Copertura delle notizie basata sui documenti dell'indagine del co-direttore dell'USRTK Gary Ruskin sull'industria agrica:

    • New York Times: L'industria alimentare ha arruolato accademici nella guerra di lobbismo contro gli OGM, Emails Show, di Eric Lipton
    • Boston Globe: Il professore di Harvard non è riuscito a rivelare la connessione, di Laura Krantz
    • Il guardiano: Gruppo ONU / OMS in Conflict of Interest Row sul rischio di cancro al glifosato, di Arthur Neslen
    • CBC: University of Saskatchewan Prof Under Fire for Monsanto Ties, di Jason Warick
    • CBC: U of S difende i legami Monsanto del Prof, ma alcuni docenti non sono d'accordo, di Jason Warick
    • Madre Jones: Queste e-mail mostrano che la Monsanto si appoggia ai professori per combattere la guerra alle pubbliche relazioni OGM, di Tom Philpott
    • Notizie globali: I documenti rivelano l'obiettivo di un adolescente canadese della lobby degli OGM, di Allison Vuchnich
    • Le Monde: La discrète inspiration de Monsanto, di Stéphane Foucart.
    • Il progressivo: Flacking per OGM: come l'industria biotecnologica coltiva mezzi positivi e scoraggia le critiche, di Paul Thacker
    • Fondazione Freedom of the Press: Come le aziende sopprimono la divulgazione di documenti pubblici su se stesse, di Camille Fassett
    • WBEZ: Perché un professore dell'Illinois non ha dovuto divulgare i finanziamenti per gli OGM ?, di Monica Eng
    • Saskatoon Star Phoenix: Domande di gruppo U di Monsanto Link di S Prof, di Jason Warick

Per ulteriori informazioni sui documenti US Right to Know, Vedere il nostro pagina delle indagini, esempi di copertura di notizie globali e documenti accademici sulla base dei documenti. Molti dei documenti sono pubblicati nel libero, ricercabile Libreria di documenti del settore UCSF.

Dona a USRTK per aiutarci a espandere le nostre indagini e continuare a fornirti queste informazioni cruciali sul nostro sistema alimentare. USRTK.org/donate

Principali risultati delle indagini sul diritto alla conoscenza degli Stati Uniti

Stampa E-mail Share Tweet

US Right to Know, un gruppo investigativo senza scopo di lucro, ha ottenuto centinaia di migliaia di pagine di documenti che rivelano - per la prima volta - come le aziende alimentari e di pesticidi stanno lavorando dietro le quinte per minare le istituzioni scientifiche, accademiche, politiche e normative della nostra nazione. Molti di questi documenti sono ora pubblicati negli archivi di documenti di settore gratuiti e ricercabili ospitati dall'Università della California, San Francisco. Vedi il Collezione USRTK Agrichemical Industry e  Collezione di industria alimentare.

US Right to Know fornisce documenti gratuitamente a giornalisti, ricercatori, responsabili politici e al pubblico di tutto il mondo. Il nostro lavoro ha contribuito a due inchieste in prima pagina del New York Times; sei articoli nel BMJ, una delle principali riviste mediche del mondo, e molti articoli in altri importanti giornali e riviste. Il nostro reportage è stato pubblicato, tra gli altri, sulla rivista Guardian and Time. Vedi i punti salienti di seguito. Per un elenco più completo del nostro lavoro investigativo e dei rapporti al riguardo, vedere la nostra pagina delle indagini.

New York Times: L'industria alimentare ha arruolato accademici nella guerra di lobbismo contro gli OGM, Emails Show, di Eric Lipton

New York Times: Il nuovo capo del CDC ha visto la Coca-Cola come alleata in Obesity Fight, di Sheila Kaplan

New York Times: Un oscuro gruppo industriale definisce la politica alimentare nel mondo, di Andrew Jacobs

New York Times: Scienziati, rinunciate alle vostre e-mail, di Paul Thacker

New York Times: Tracce di un controverso erbicida si trovano in Ben & Jerry's Ice Cream, di Stephanie Strom

Il Washington Post: Le e-mail di Coca-Cola rivelano come l'industria delle bibite cerca di influenzare i funzionari sanitari, di Paige Winfield Cunningham

BMJ: Coca-Cola e obesità: uno studio mostra gli sforzi per influenzare i Centri statunitensi per il controllo delle malattie, di Gareth Iocabucci

BMJ: L'International Life Sciences Institute è un sostenitore dell'industria alimentare e delle bevande, dicono i ricercatori

BMJ: I contratti Coca-Cola potrebbero consentire di "annullare" ricerche sfavorevoli, di Elisabeth Mahase

BMJ: L'influenza della Coca-Cola sui giornalisti medici e scientifici, di Paul Thacker

BMJ: I conflitti di interesse compromettono la missione dell'agenzia di sanità pubblica statunitense, affermano gli scienziati, di Jeanne Lenzer

BMJ: L'agenzia statunitense per la sanità pubblica ha citato in giudizio Martha Rosenberg per il mancato rilascio di e-mail dalla Coca-Cola

TEMPO: La FDA inizierà i test per le sostanze chimiche negli alimenti, di Carey Gillam

ORARIO: Ho vinto una causa storica, ma potrei non vivere abbastanza da vedere i soldi, di Carey Gillam

island Press: Whitewash: The Story of a Weed Killer, Cancer and the Corruption of Science, di Carey Gillam

Boston Globe: Il professore di Harvard non è riuscito a rivelare la connessione con Monsanto in Paper Touting OGM, di Laura Krantz

Il guardiano: Rivelato: come il "centro di intelligence" della Monsanto ha preso di mira giornalisti e attivisti

Il guardiano: Science Institute That Advised EU e ONU "Actually Industry Lobby Group", di Arthur Neslen

Il guardiano: Come la Monsanto manipola giornalisti e accademici, di Carey Gillam

Il guardiano: L'EPA ha lo scopo di proteggerci. I processi alla Monsanto suggeriscono che non è così, di Nathan Donley e Carey Gillam

Il guardiano: Chi paga i crimini della Monsanto? Noi siamo. Di Carey Gillam.

Il guardiano: Weedkiller "Aumenta il rischio di linfoma non Hodgkin del 41%", di Carey Gillam

Il guardiano: "Il mondo è contro di loro": la nuova era di cause legali contro il cancro minaccia la Monsanto, di Carey Gillam

Il guardiano: One Man's Suffering Exposed Monsanto's Secrets to the World, di Carey Gillam

Il guardiano: La causa storica sostiene che la Monsanto ha nascosto il pericolo di cancro per diserbante per decenni, di Carey Gillam

Il guardiano: Prodotti diserbanti più tossici del loro ingrediente attivos, di Carey Gillam

Il guardiano: Weedkiller Found in Granola and Crackers, Internal FDA Emails Show, by Carey Gillam

Il guardiano: Monsanto dice che i suoi pesticidi sono sicuri. Ora, un tribunale vuole vedere le prove, di Carey Gillam

Il guardianoGruppo ONU / OMS in Conflict of Interest Row sul rischio di cancro al glifosato, di Arthur Neslen

Il guardiano: Prima di leggere un altro studio sulla salute, controlla chi sta finanziando la ricerca, di Alison Moodie

The Associated Press: Rapporti: Limitare l'influenza dell'industria alimentare sulle questioni di salute pubblica, di Candice Choi

Journal of Epidemiology e Community Health: Organizzazioni scientifiche e la "guerra" della Coca-Cola con la comunità della salute pubblica: approfondimenti da un documento interno del settore, di Pepita Barlow, Paulo Serôdio, Gary Ruskin, Martin McKee e David Stuckler

Milbank Quarterly: Il pubblico incontra il privato: conversazioni tra Coca-Cola e CDC. Di Nason Maani Hessari, Gary Ruskin, Martin McKee e David Stuckler

Journal of Public Health Policy: "Leggi sempre la piccola stampa": un caso di studio di finanziamento della ricerca commerciale, divulgazione e accordi con Coca-Cola, di Sarah Steele, Gary Ruskin, Martin McKee e David Stuckler

Journal of Public Health Policy: Roundup litigation discovery documents: implications for public health and journal ethics, di Sheldon Krimsky e Carey Gillam

Journal of Public Health Policy: Caso di studio di e-mail scambiate tra Coca-Cola e i principali investigatori dell'ISCOLE, di David Stuckler, Gary Ruskin e Martin McKee

Globalizzazione e salute: Gli enti di beneficenza finanziati dall'industria promuovono "studi guidati dalla difesa" o "scienza basata sulle prove"? Un caso di studio dell'International Life Sciences Institute. Di Sarah Steele, Gary Ruskin, Lejla Sarjevic, Martin McKee e David Stuckler

Biotecnologie naturali: In piedi per la trasparenza, di Stacy Malkan

L'intercettazione: Il nuovo capo del CDC di Trump ha sostenuto la partnership con Coca-Cola per risolvere l'obesità infantile, di Lee Fang

Los Angeles Times: In Science, segui i soldi se puoi, di Paul Thacker e Curt Furberg

San Francisco Chronicle: Corso inverso delle principali marche sulle etichette alimentari geneticamente modificate, di Tara Duggan

Undark: La scienza sviluppata dalle aziende non dovrebbe essere una politica guida, di Carey Gillam

WBEZ: Perché un professore dell'Illinois non ha dovuto divulgare i finanziamenti per gli OGM ?, di Monica Eng

Democracy Now: I documenti rivelano giornalisti, attivisti e persino musicista sorvegliati dalla Monsanto Neil Young

San Diego Union TribuneL'UCSD assume un ricercatore sanitario finanziato dalla Coca-Cola, di Morgan Cook

Bloomberg: Le e-mail mostrano come l'industria alimentare utilizza la "scienza" per spingere la soda, di Deena Shanker

Bloomberg: Come la Monsanto ha mobilitato gli accademici per scrivere articoli a sostegno degli OGM, di Jack Kaskey

CBC: University of Saskatchewan Prof Under Fire for Monsanto Ties, di Jason Warick

CBC: U of S difende i legami Monsanto del Prof, ma alcuni docenti non sono d'accordo, di Jason Warick

ABC in Australia: Lo scambio di e-mail trapelato rivela le tattiche dell'industria alimentare, di Lexi Metherell

ABC Australia: La trasmissione Monsanto Papers

Le Monde: Comment Coca-Cola a bafoué ses promesses de transparence in les contrats de recherche, di Stéphane Horel

Le Monde: Serie Monsanto Papers, di Stéphane Foucart e Stéphane Horel

La Nazione: La Monsanto ha ignorato le prove che collegano il suo erbicida al cancro? di Rene Ebersole

Madre Jones: Queste e-mail mostrano che la Monsanto si appoggia ai professori per combattere la guerra alle pubbliche relazioni OGM, di Tom Philpott

Politico: La Coca-Cola ha ottenuto il controllo sulla ricerca sanitaria in cambio di finanziamenti, dice la rivista sanitaria, di Jesse Chase-Lubitz

Il progressivo: Flacking per OGM: come l'industria biotecnologica coltiva mezzi positivi e scoraggia le critiche, di Paul Thacker

Fondazione Freedom of the Press: Come le aziende sopprimono la divulgazione di documenti pubblici su se stesse, di Camille Fassett

Notizie globali: I documenti rivelano l'obiettivo di un adolescente canadese della lobby degli OGM, di Allison Vuchnich

Forbes: The Coca-Cola Network: Soda Giant Mines Connections con funzionari e scienziati per esercitare influenza, di Rob Waters

STATISTICA: Lo studio tira indietro il sipario sui contratti tra Coca-Cola ei ricercatori che finanzia, di Andrew Joseph

STATISTICA: Disney, temendo uno scandalo, cerca di premere il giornale per ritirare il documento di ricerca, di Sheila Kaplan

Notizie sulla salute ambientale: Guerra della coca cola con la scienza della salute pubblica per l'obesità, di Gary Ruskin

Notizie sulla salute ambientale: Saggio: il ghostwriting e le armi potenti della Monsanto minacciano la scienza del suono e la società, di Sheldon Krimsky

spettacolo: Due donne del Congresso vogliono un'indagine sulla relazione del CDC con la Coca-Cola, di Nicole Karlis

Salute pubblica critica: Come le aziende alimentari influenzano prove e opinioni - direttamente dalla bocca del cavallo, di Gary Sacks, Boyd Swinburn, Adrian Cameron e Gary Ruskin

Verità: Documenti segreti svelano gli scienziati della Monsanto War on Cancer

Huffington Post: articoli di Carey Gillam

Huffington Post: articoli di Stacy Malkan

Philadelphia Inquirer: I contratti di ricerca della Coca-Cola consentivano di annullare i risultati negativi sulla salute, i risultati degli studi, di Mari A. Shaefer

Rivista Common Ground: Sei pronto per la nuova ondata di alimenti geneticamente modificati ?, di Stacy Malkan

EcoWatch: articoli di US Right to Know

Ralph Nader: Monsanto e i suoi promotori contro la libertà di informazione

Gizmodo: Coca-Cola può terminare la ricerca sanitaria che finanzia, i risultati delle indagini, di Ed Cara

Invertire: I documenti universitari rivelano l'immenso potere della Coca-Cola sulla ricerca sanitaria, di Peter Hess

USRTK: Monitoraggio della rete di propaganda dell'industria agrochimica

Per ricevere aggiornamenti sulle indagini sul diritto di sapere degli Stati Uniti, puoi Iscriviti alla nostra newsletter. E per favore considera fare una donazione per mantenere viva la nostra indagine.

Documenti segreti svelano gli scienziati della Monsanto War on Cancer

Stampa E-mail Share Tweet

Di Stacy Malkan (aggiornato il 17 maggio 2019)

DeWayne Johnson, un padre di 46 anni che muore di linfoma non Hodgkin, è stata la prima persona ad affrontare Monsanto sotto processo lo scorso giugno, a causa delle accuse, la società ha nascosto prove sui pericoli cancerogeni del suo diserbante Roundup. Da allora le giurie sono tornate con tre unanime verdetti scoprendo che gli erbicidi Roundup a base di glifosato erano una causa sostanziale di cancro e livellando enormi danni punitivi contro Bayer (che ora possiede la Monsanto). Altre migliaia di persone stanno facendo causa tribunali statali e federali, e i documenti aziendali che escono dai processi stanno facendo luce sulle tattiche pesanti che la Monsanto ha usato per negare il rischio di cancro e proteggere la sostanza chimica che era la perno dei suoi profitti.

“Monsanto era il suo ghostwriter per alcune revisioni sulla sicurezza ", hanno riferito Bloomberg e un funzionario dell'EPA secondo quanto riferito, aiutò la Monsanto "Uccidere" lo studio sul cancro di un'altra agenzia (quello studio, ora pubblicato, lo ha fatto confermare un collegamento del cancro al glifosato). Un premiata inchiesta a Le Monde spiega in dettaglio come la Monsanto abbia cercato di "distruggere l'agenzia per il cancro delle Nazioni Unite con ogni mezzo possibile" per salvare il glifosato. Articoli di giornale basati sulle revisioni del rapporto sui documenti di scoperta della prova Roundup interferenza aziendale in una pubblicazione scientifica e un'agenzia di regolamentazione federale e altri esempi di "avvelenando il pozzo scientifico. "

“Il ghostwriting e le armi potenti della Monsanto minacciano la scienza e la società solide", Ha scritto il professor Sheldon Krimsky della Tufts University nel giugno 2018. I documenti della scoperta, ha detto," rivelano la conquista della scienza da parte delle aziende, che mette a rischio la salute pubblica e le fondamenta stesse della democrazia ".

Da allora, con i processi in corso, sono venuti alla luce altri documenti sul portata delle manipolazioni della Monsanto del processo scientifico, agenzie di regolamentazionee dibattito pubblico. Nel maggio 2019, giornalisti in Francia ha ottenuto un "file Monsanto" segreto creato dalla società di pubbliche relazioni FleishmanHillard che elenca una "moltitudine di informazioni" su 200 giornalisti, politici, scienziati e altri che si ritiene possano influenzare il dibattito sul glifosato in Francia. I pubblici ministeri in Francia hanno aperto un'indagine penale e Bayer ha detto che sta indagando sulla sua azienda di pubbliche relazioni.

Questa guerra aziendale alla scienza ha importanti implicazioni per tutti noi, considerando che a metà degli uomini negli Stati Uniti e a un terzo delle donne verrà diagnosticato un cancro ad un certo punto della nostra vita, secondo il National Cancer Institute.

I documenti che l'industria alimentare non vuole che tu veda

Da anni le industrie alimentari e chimiche hanno puntato gli occhi su un target particolare nel mondo della scienza: l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), il gruppo di ricerca indipendente che da 50 anni lavora per identificare i rischi di cancro per informare le politiche che possono prevenire il cancro.

“Combatto IARC da sempre !!! :) "un ex scienziato della Kraft Foods ha scritto a un ex scienziato di Syngenta in una email ottenuto tramite una richiesta di stato aperto record. “Cibo e agricoltura sono sotto assedio da Glyphosate nel marzo 2015. Dobbiamo tutti riunirci in qualche modo ed esporre lo IARC, come avete fatto voi sul giornale. Le priorità successive sono tutti gli ingredienti alimentari: aspartame, sucralosio, ferro dietetico, B-carotene, BPA, ecc. Lo IARC ci sta uccidendo! "

L'esperto IARC decisione del panel classificare il glifosato come "probabilmente cancerogeno per gli esseri umani" ha creato un punto di incontro per i nemici del pannello per raccogliere le forze. Un documento chiave della Monsanto rilasciato tramite contenzioso rivela il piano di attacco: screditare gli scienziati del cancro con l'aiuto di alleati dell'industria alimentare.

Il piano di pubbliche relazioni della Monsanto assegnato 20 membri dello staff aziendale per preparare il rapporto IARC sulla cancerogenicità sul glifosato, con obiettivi tra cui "neutralizzare l'impatto", "stabilire una prospettiva pubblica sull'IARC", "sensibilizzare le autorità di regolamentazione", "garantire MON POV" e "coinvolgere le associazioni di settore" in "indignazione. "

Il documento ha identificato quattro livelli di "partner del settore" per contribuire a far avanzare i tre obiettivi indicati nel piano di PR: proteggere la reputazione di Roundup, impedire che affermazioni sul cancro "infondate" diventino opinione popolare e "fornire copertura alle agenzie di regolamentazione" per continuare a consentire l'uso del glifosato.

Alla scoperta della rete di "partner industriali" di Monsanto

Durante l'iniziativa i gruppi di partner industriali Monsanto hanno sfruttato a screditare gli scienziati dell'IARC includevano le più grandi organizzazioni di lobby dell'industria alimentare e dei pesticidi; gruppi di spin finanziati dall'industria che si descrivono come fonti indipendenti come Risposte sugli OGM e la Consiglio internazionale per l'informazione alimentare; e "science-y" che suonano come gruppi di facciata Senso della scienza, i Progetto di alfabetizzazione genetica e Recensione accademica - tutti utilizzano messaggi simili e spesso si riferiscono l'un l'altro come fonti.

Documenti ottenuti dalla destra degli Stati Uniti a Conosci le indagini chiarire come questi gruppi di partner lavorano insieme per promuovere il "MON POV" sulla sicurezza e la necessità di pesticidi e OGM.

Una serie di documenti ha rivelato come gli agenti di pubbliche relazioni della Monsanto organizzassero "Academics Review" come una piattaforma dal suono neutro dalla quale potevano lanciare attacchi contro un elenco di bersagli nemici, compreso il Sierra Club, l'autore Michael Pollan, il film Food, Inc. e il industria biologica.

Gli architetti di Academics Review - co-fondatori Bruce Chassy e David Tribe, Il dirigente della Monsanto Eric Sachs, l'ex direttore delle comunicazioni della Monsanto Jay Byrne e ex VP del gruppo commerciale dell'industria biotecnologica Val Giddings - parlato apertamente in le email sulla creazione di Academics Review come gruppo di facciata per promuovere gli interessi del settore e attrarre denaro dal settore, mantenendo nascoste le impronte digitali aziendali.

E-mail da Eric Sachs, Responsabile Scienza, tecnologia e divulgazione di Monsanto, a Bruce Chassy

Anche ora con il loro playbook esposto - e il loro finanziamento primario individuato come proveniente da un gruppo commerciale finanziato da Monsanto, Bayer, BASF, Syngenta e DowDuPont - Academics Review continua a rivendicare portale dedicato accettare donazioni solo da "fonti non aziendali". Academics Review afferma inoltre che la "revisione del cancro del glifosato IARC fallisce su più fronti", in un post proveniente dal sito Web di PR finanziato dal settore Risposte sugli OGM, il gruppo di facciata finanziato dal settore Consiglio americano per la scienza e la salutee un articolo di Forbes di Henry Miller che è stato scritto nel fantasma dalla Monsanto.

Miller e gli organizzatori dell'Academics Review Chassy, ​​Tribe, Byrne, Sachs e Giddings lo sono membri di AgBioChatter, un forum di posta elettronica privato che è apparso nel piano PR di Monsanto come partner industriale di livello 2. E-mail dall'elenco AgBioChatter suggeriscono che sia stato utilizzato per coordinare gli alleati del settore in attività di lobbying e promozionali per difendere OGM e pesticidi. I membri includevano personale senior del settore agricochimico, consulenti di pubbliche relazioni e accademici pro-industria, molti dei quali scrivono per piattaforme multimediali del settore come Risposte sugli OGM e Progetto di alfabetizzazione genetica, o svolgere ruoli di leadership in altri gruppi di partner Monsanto.

Genetic Literacy Project, guidato da un operatore di pubbliche relazioni dell'industria chimica di lunga data Jon Entine, ha anche collaborato con Academics Review per condurre una serie di conferenze finanziate dall'industria agrica per formare giornalisti e scienziati su come promuovere meglio gli OGM e i pesticidi e sostengono la loro deregolamentazione. Gli organizzatori erano disonesto sulle fonti dei loro finanziamenti.

Questi gruppi si definiscono arbitri onesti della scienza anche se diffondono false informazioni e si avvicinano ad attacchi isterici contro scienziati che hanno sollevato preoccupazioni sul rischio di cancro del glifosato.

Un esempio chiave può essere trovato sul sito web del Genetic Literacy Project, che è stato elencato come un "partner industriale di livello 2" nel piano di PR della Monsanto per proteggere Roundup contro i problemi di cancro sollevati dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro. Una ricerca di "IARC" sul sito web del Genetic Literacy Project porta alla luce più di 200 articoli, molti dei quali attaccano gli scienziati che hanno sollevato preoccupazioni sul cancro come "ambienti anti-chimici" che hanno "mentito" e "cospirato per travisare" i rischi per la salute di glifosato, e sostenendo che l'agenzia globale contro il cancro dovrebbe essere eliminata e abolita.

Molti degli articoli anti-IARC pubblicati su Genetic Literacy Project, o spinti da altri surrogati del settore, ignorano i numerosi rapporti di notizie basati sul Carte Monsanto documentare l'interferenza aziendale nella ricerca scientifica e promuovere invece le affermazioni degli operatori di pubbliche relazioni dell'industria chimica o del narrazioni false di uno giornalista con legami accoglienti con la Monsanto. La battaglia politica contro raggiunto fino a Capitol Hill, con i repubblicani del Congresso guidati da Rep. Lamar Smith chiedendo indagini e provando a trattenere i finanziamenti statunitensi dalla principale agenzia di ricerca sul cancro al mondo.

Chi sta dalla parte della scienza?

Le pressioni e i messaggi di Monsanto per screditare il gruppo IARC sul cancro si basano sull'argomento che altre agenzie che utilizzano valutazioni basate sul rischio hanno esonerato il glifosato dal rischio di cancro. Ma come rapporti investigativi e  rivista beni basato sul Carte Monsanto dettagliati, si stanno accumulando prove che le valutazioni del rischio regolamentare sul glifosato, che si basano in larga misura sulla ricerca fornita dall'industria, sono state compromesse da dati non divulgati conflitto di interessi, affidamento sulla scienza dubbia, materiali scritti da fantasmi e altri metodi di armamento forte aziendale che mettono a rischio la salute pubblica, come afferma il professore di Tufts Sheldon Krimsky ha scritto.

"Per proteggere l'impresa scientifica, uno dei pilastri fondamentali di una moderna società democratica, contro le forze che la trasformerebbero nell'ancella dell'industria o della politica, la nostra società deve supportare i firewall tra la scienza accademica e i settori aziendali ed educare i giovani scienziati e redattori di riviste sui principi morali alla base dei rispettivi ruoli professionali ”, ha scritto Krimsky.

I responsabili politici non devono consentire scienza sviluppata dalle aziende per guidare le decisioni sulla prevenzione del cancro. I media devono fare un lavoro migliore segnalando e indagando sui conflitti di interesse dietro la rotazione scientifica aziendale. È ora di porre fine alla guerra aziendale contro la scienza del cancro.

Stacy Malkan è condirettore del gruppo dei consumatori US Right to Know e autore del libro "Not Just a Pretty Face: The Ugly Side of the Beauty Industry".

Documenti FDA FOIA relativi al test sui residui di glifosato

Stampa E-mail Share Tweet

La Food and Drug Administration ha risposto alle richieste di informazioni del Freedom of Information Act (FOIA) in merito ai suoi sforzi per iniziare a testare campioni alimentari per i residui di glifosato e alcuni altri erbicidi, incluso il 2,4-D.

È possibile accedere a molti di questi documenti di seguito:

FDA FOIA 2017-7005

FDA FOIA 2017-7005 parte 2

Record di risposta finale della FDA (2017-7005) Parte 3 (redatta)

FDA FOIA 2017-7005 allegati

CFSAN Responsive Records (2017-7005) Interim Response Part 2 (email con riquadro rosso OC-ORA) _Redacted (1)

Obiettivi FOIA FDA analisi erbicida

Record reattivi CFSAN (redatti) 2017-10178

Verbale della riunione Pestag della FDA del 19 aprile 2017

Verbale della riunione PesTAG del 15 marzo 2017 della FDA

Verbale della telefonata della FDA del 10 febbraio 2016

Drew Kershen: capofila del gruppo del fronte dell'industria agraria

Stampa E-mail Share Tweet

Drew Kershen, professore emerito presso l'Università dell'Oklahoma College of Law, è uno stretto alleato del settore agricochimico. Sostiene deregolamentazione di piante e animali geneticamente modificati e contro la trasparenza. Kershen ha svolto un ruolo chiave negli sforzi promozionali finanziati dall'industria agraria e nei gruppi di facciata che fanno pressione per gli interessi dell'industria. Kershen non rivela le fonti di finanziamento.

Legami con l'industria agrochimica e leadership del gruppo di facciata

Progetto di alfabetizzazione genetica / Progetto di alfabetizzazione scientifica

Kershen è un membro del consiglio del Genetic Literacy Project, un gruppo di facciata che collabora con Monsanto per fare pubbliche relazioni per alimenti e pesticidi geneticamente modificati, e fa non divulgare accuratamente il suo finanziamento. I documenti rivelano che il progetto di alfabetizzazione genetica:

Kershen è anche membro del consiglio di amministrazione di Progetto di alfabetizzazione scientifica, l'organizzazione madre 501 (c) (3) del Genetic Literacy Project. Entrambi sono diretti da Jon Entine, un alleato di PR di lunga data dell'industria chimica.

Secondo Documenti fiscali 2015, Jon Entine e il Science Literacy Project hanno assunto il controllo dello Statistical Assessment Service (STATS), un gruppo precedentemente affiliato al Center for Media and Public Affairs (CMPA) e al Progetto di alfabetizzazione genetica. Le operazioni per STATS sono state raggruppate in Sense About Science USA, che condivide lo stesso indirizzo di registrazione con il progetto Science Literacy.

I fondatori di STATS, CMPA e Sense About Science hanno svolto attività di pubbliche relazioni per l'industria del tabacco e questi gruppi non sono arbitri scientifici indipendenti, secondo un 2016 inchiesta in The Intercept.

Per ulteriori informazioni, vedere le schede tecniche USRTK su Jon Entine e Genetic Literacy Project e Sense About Science / STATS.

Segretario dell'Academics Review Front Group

Kershen era il segretario del consiglio di amministrazione di Academics Review, secondo la sua Documenti fiscali 2016. Academics Review ha affermato di essere un gruppo indipendente, ma i documenti sono stati ottenuti da US Right to Know ha rivelato che era un gruppo di facciata istituito con l'aiuto della Monsanto per attaccare i critici dell'industria agrochimica mentre sembra essere indipendente.

Kershen era un recensore per un rapporto del 2014 di Academics Review che ha cercato di screditare l'industria del biologico; il comunicato stampa per il rapporto ha affermato che si trattava di lavoro di accademici indipendenti senza conflitti di interesse.

I registri fiscali mostrano che il principale finanziatore di Academics Review è stato il Council for Biotechnology Information, un'organizzazione senza scopo di lucro finanziata e gestita da BASF, Bayer, DowDuPont, Monsanto e Syngenta. CBI ha donato un totale di $ 600,000 a Academics Review in 2014 e di 2015-2016.

Perché Forbes ha cancellato alcuni articoli di Drew Kershen

Kershen è coautore di diversi articoli che sono stati eliminati da Forbes e Project Syndicate dopo il suo coautore, Henry Miller, è stato catturato utilizzando una colonna scritta da fantasmi da Monsanto come suo lavoro a Forbes. Il New York Times ha rivelato lo scandalo del ghostwriting nel 2017.

Kershen e Miller hanno anche scritto articoli per Ardesia, National Review, i Hoover Institution e la Consiglio americano per la scienza e la salute (finanziato dal settore gruppo frontale) argomentando contro l'etichettatura e la regolamentazione degli alimenti geneticamente modificati, attaccando i critici dell'industria e sostenendo che "i poveri del mondo stanno soffrendo e muoiono inutilmente" a causa della "regolamentazione gratuita richiesta dagli attivisti".

Risposte sugli OGM

Kershen è un "Esperto ambasciatore" per GMO Answers, a sito web di marketing e PR per gli alimenti geneticamente modificati che è finanziato dalle grandi aziende agrochimiche tramite il Council for Biotechnology Information e gestito da società di pubbliche relazioni Ketchum.

Intervenuto in una causa sulla trasparenza per sopprimere la divulgazione al pubblico

Diversi documenti riportati in questa scheda informativa, che esponevano legami non divulgati tra società e gruppi di facciata, sono stati ottenuti per la prima volta tramite richieste di libertà di informazione da parte di US Right to Know. Kershen è intervenuto in cause legali per cercare di bloccare ulteriori divulgazioni, come la Freedom of the Press Foundation segnalato nel febbraio 2018.

Per ulteriori informazioni sui gruppi di facciata dell'industria alimentare, vedere il Pagina delle indagini USRTK.

FOIA rotto Lontano dalla guarigione mentre le agenzie statunitensi tradiscono in pubblico

Stampa E-mail Share Tweet

In America, uno dei principi fondamentali della nostra democrazia è che il nostro governo lavora per noi. Dovremmo avere un "governo del popolo, dal popolo, per il popolo" come presidente Abraham Lincoln famoso detto. Per garantire il rispetto del principio, riconosciamo che l'accesso del pubblico alle informazioni sulle azioni del governo è fondamentale per sostenere le libertà individuali e collettive.

Ma quest'anno, quando raggiungiamo i 50th anniversario della firma del Freedom of Information Act (FOIA), prove crescenti mostrano che molte delle nostre agenzie federali stanno effettivamente lavorando per soffocare quella libertà negando ingiustamente informazioni al pubblico. A giugno, il presidente Obama ha firmato un disegno di legge presumibilmente volto a rafforzare il FOIA. Ma mentre la legge offre una serie di nuovi miglioramenti procedurali, le disposizioni fanno poco per impedire effettivamente la continuazione degli abusi e delle scuse comuni che vediamo da parte delle agenzie riluttanti a fornire informazioni sulle loro attività.

I tentativi di eludere la legge FOIA sono diventati così di routine che il Government Accountability Office degli Stati Uniti sta convocando una squadra ora per iniziare un ampio audit di conformità FOIA presso le agenzie federali. La revisione del GAO inizierà questo mese, secondo il GAO.

L'indagine arriva in risposta a direttiva emesso dalla Commissione della Camera per la supervisione e la riforma del governo e dalla Commissione del Senato sulla magistratura, organi del Congresso che hanno la supervisione delle operazioni FOIA. E viene dopo un rapporto schiacciante dal comitato della Camera che ha trovato la cultura del ramo esecutivo del governo federale "incoraggia una presunzione illegale a favore della segretezza quando risponde alle richieste del Freedom of Information Act". Le agenzie dovrebbero agire e rispondere ai richiedenti FOIA entro 20 giorni lavorativi, ma chiunque effettui regolarmente richieste FOIA sa che probabilmente passeranno mesi, se non anni, prima che venga prodotto un record. Se e quando i record vengono girati, spesso vengono pesantemente oscurati, rendendoli sostanzialmente inutili. La commissione per la supervisione della Camera ha anche rilevato che spesso sono in gioco pressioni politiche, con documenti ritenuti problematici o imbarazzanti negati dal rilascio.

"La segretezza favorisce la sfiducia", osserva il rapporto della commissione.

Nella loro lettera al GAO, i leader del comitato del Congresso hanno citato un'analisi di Associated Press che ha rilevato che le persone che hanno chiesto documenti hanno ricevuto file censurati o nessuno in un record del 77% delle richieste lo scorso anno. Nel complesso, l'amministrazione Obama ha censurato i materiali che ha consegnato o ha negato completamente l'accesso ad essi in un record di 596,095 casi.

Presentare un FOIA in questi giorni è un po 'come entrare attraverso lo specchio in una realtà alternativa in cui l'ordine e la logica sono sfuggenti. Pro Publica, un'organizzazione di giornalismo investigativo senza scopo di lucro, ha recentemente offerto una litania di esempi di elusione governativa della legge.

E resto impantanato nella mia frustrante odissea FOIA. A gennaio, ho richiesto alcune registrazioni dalla Food and Drug Administration in merito a un programma di test sulla sicurezza alimentare che l'agenzia conduce per misurare i residui di pesticidi negli alimenti. Quando ho chiesto lo stato della mia richiesta, dopo che erano trascorsi i 20 giorni lavorativi richiesti, l'agenzia mi ha detto che era in attesa che la sua unità di valutazione dei farmaci e il suo centro di medicina veterinaria cercassero i documenti. Le mie proteste sul fatto che i registri ovviamente non fossero conservati nelle unità farmaceutiche o veterinarie della FDA non mi hanno portato da nessuna parte. Dopo diversi mesi, la FDA ha riconosciuto che la richiesta doveva essere assegnata alla sua unità per la sicurezza alimentare, ma poi mi è stato detto che la risposta sarebbe stata ritardata perché c'era un "arretrato dovuto a cambiamenti del personale". Mi è stato anche detto che alcuni documenti dovevano essere cancellati con l'Environmental Protection Agency, ma l'ufficiale FOIA della FDA assegnato alla mia richiesta non era chiaro su come effettuare tale deferimento. Da allora mi è stato detto che l'agenzia ha trovato diverse centinaia di record che rispondono alla mia richiesta, ma tutto ciò che ho effettivamente ricevuto sono una litania di scuse e ritardi e una manciata di record con diverse sezioni oscurate.

La FDA ha ripetutamente citato la famigerata esenzione "(b) (5)", che consente alle agenzie di oscurare le informazioni che ritengono parte di un "processo deliberativo". Il comitato della Camera ha scoperto che l'esenzione (b) (5) è applicata erroneamente dalle agenzie federali così frequentemente che è nota come l'esenzione "trattenerla perché si desidera".

E non sono solo le agenzie federali che lavorano per bloccare l'accesso pubblico alle informazioni che appartengono di diritto al pubblico. Molte delle nostre università pubbliche sono state trovate anche riluttanti a rispettare le leggi statali sui registri aperti. L'organizzazione per cui lavoro, il gruppo di difesa dei consumatori US Right to Know, lo scorso mese presentato una querela contro l'Università della California-Davis dopo che l'università non è riuscita per più di un anno e mezzo a consegnare registri pubblici. Inoltre, funzionari statali del Michigan sono stati esposti l'anno scorso promuovendo l'addebito di tariffe esorbitanti come un modo per scoraggiare le richieste di documenti. E funzionari statali della Carolina del Nord vengono citati in giudizio per aver aggirato la legge sui registri pubblici in quello stato, anche con ritardi e spese irragionevoli.

Queste non sono cose banali. Le informazioni vengono nascoste sulla sicurezza del nostro cibo e delle sostanze chimiche nel nostro ambiente, sui programmi di prestito di alloggi e case, sulla supervisione bancaria, sulle azioni di polizia, sulle questioni doganali e sui controlli alle frontiere, sulle questioni elettorali e altro. Senza informazioni fattuali sul funzionamento del governo, il pubblico non può fare scelte informate alle urne né sapere se sostenere o opporsi alle politiche pubbliche.

L'ex presidente Jimmy Carter ha detto: "Molto spesso, la rivelazione della verità, anche se spiacevole, è benefica".

Una disposizione della nuova legge firmata a giugno è la formazione del Chief FOIA Officers Council (CFO), un gruppo di funzionari FOIA dell'agenzia federale incaricati di sviluppare raccomandazioni per aumentare la conformità FOIA e lavorare su iniziative che aumenteranno la trasparenza. Il gruppo sta tenendo un incontro pubblico 15 settembre. I giornalisti e gli altri interessati sono incoraggiati a partecipare.

È un bel piccolo passo avanti. Ma i nostri leader a Washington possono e dovrebbero fare di più per garantire che la verità sul nostro governo non sia così difficile da trovare.

(L'articolo è apparso originariamente su The Hill http://thehill.com/blogs/pundits-blog/healthcare/294192-how-freedom-falls-broken-foia-far-from-healing-as-us-agencies)

La nostra indagine su Big Food e sui suoi gruppi di facciata

Stampa E-mail Share Tweet

Aggiornamento: questo blog è stato aggiornato per includere un elenco corrente di notizie e commenti generato dalla nostra indagine in corso.

US Right to Know sta conducendo un'indagine sulla collusione traUSRTK_FOIArequestsAgroChemical_1een Big Food, i suoi gruppi di facciata, i docenti universitari e il personale per fornire al pubblico PR del settore. Quell'indagine è in corso. Finora è stato fruttuoso, come oggi articolo del New York Times spettacoli.

Durante l'iniziativa Collegamenti degli articoli del Times alle e-mail ottenute tramite richieste statali del Freedom of Information Act presentate da US Right to Know. Queste e-mail rivelano come Monsanto ei suoi partner utilizzano i cosiddetti scienziati e professori di terze parti "indipendenti" per fornire i loro messaggi di PR. Dal momento che le aziende stesse non sono messaggeri credibili, usano questi scienziati e professori come burattini per modellare la narrativa dei media sulle questioni alimentari, in particolare sugli OGM.

Questa è una parte fondamentale della strategia di PR di Big Food. Spendono le industrie agroalimentari vasto somme di denaro per convincere il pubblico che il loro cibo, i raccolti, gli OGM, gli additivi e i pesticidi sono sicuri, desiderabili e sani.

US Right to Know ha presentato richieste di legge statali sulla libertà di informazione per cercare di ottenere le e-mail e i documenti di 43 docenti e personale universitario pubblico, per saperne di più su questo sforzo di pubbliche relazioni. Finora abbiamo ricevuto documenti in nove di queste richieste. Quindi, è probabile che la maggior parte dei documenti debba ancora arrivare. Alcuni potrebbero arrivare la prossima settimana, altri forse impiegheranno un anno o anche di più per arrivare.

Abbiamo richiesto documenti a scienziati, economisti, professori di diritto, specialisti di estensione e comunicatori. Tutti lavorano in istituzioni pubbliche, finanziate dai contribuenti. Crediamo che il pubblico meriti di saperne di più sul flusso di denaro e sul livello di coordinamento tra scienziati delle università pubbliche e altri accademici e le aziende agrochimiche e alimentari di cui promuovono gli interessi.

Abbiamo il diritto di sapere cosa c'è nel nostro cibo e come le aziende tentano di influenzare le nostre opinioni al riguardo. Eppure alcuni trovano la trasparenza così minacciosa da equiparare le campagne dei consumatori a vili dittature, come in un recente Post di Facebook che conteneva la mia foto accanto a quella di Stalin e Hitler. Altri hanno paragonato il nostro lavoro a "terrorismo"E noi a"terroristi. "

La trasparenza - e le informazioni investigative sul nostro cibo - sono il fulcro di ciò che facciamo qui, US Right to Know.

Crediamo nelle parole di James Madison, chi ha scritto: “Un governo popolare, senza informazioni popolari o mezzi per acquisirle, non è che un prologo di una farsa o di una tragedia; o forse entrambi. La conoscenza governerà per sempre l'ignoranza: e un popolo che intende essere il proprio Governatore, deve armarsi del potere che la conoscenza dà ".

Infine, una breve parola sul professor Kevin Folta dell'Università della Florida. I risultati più importanti di oggi articolo del New York Times riguardano gli sforzi di pubbliche relazioni della Monsanto e dell'industria agrochimica. Ma vale la pena sottolineare che il professor Folta ha ripetutamente negato - falsamente - di avere legami con la Monsanto o di aver accettato fondi dalla Monsanto. Ad esempio, il professor Folta ha affermato:

Anche il professor Folta ha ha affermato falsamente di non aver mai usato il testo scritto per lui dalla società di pubbliche relazioni Ketchum.

Nella migliore delle ipotesi, queste affermazioni del professor Folta sono fuorvianti e alcune non sono veritiere. Tuttavia, come rivelano le e-mail rilasciate oggi, Folta è stata in stretto contatto con Monsanto e l'azienda di pubbliche relazioni Ketchum, di recente ha ricevuto una sovvenzione illimitata di $ 25,000 dalla Monsantoe ha anche scritto a un dirigente della Monsanto "Sono felice di firmare qualsiasi cosa tu voglia, o scrivere quello che ti piace. " (Vedi anche il nostro febbraio 2015 lettera al professor Folta sulle nostre richieste FOIA.)

Professor Folta a parte, è anche importante notare che la nostra spinta alla trasparenza non riguarda una o poche persone. Questo riguarda la misura in cui le società come la Monsanto ei loro gruppi di facciata utilizzano le nostre università pubbliche e gli scienziati e gli accademici che vi lavorano come strumenti per promuovere i loro programmi e i loro profitti.

Andate a  la nostra pagina delle indagini per dettagli aggiornati sui nostri risultati

Articoli di notizie sulla nostra indagine

2017

Notizie CBC: University of Saskatchewan Difende i legami Monsanto del professore, ma alcuni docenti non sono d'accordo

Notizie CBC: Professore Under Fire for Monsanto dell'Università del Saskatchewan

BMJ: L'influenza segreta della Coca-Cola sui giornalisti medici e scientifici

Comunicato stampa USRTK: BMJ rivela il finanziamento segreto dell'industria dei rapporti, basato sui documenti USRTK  

Huffington Post: Le mamme esposte all'erbicida Monsanto significano cattivi risultati per i bambini

Huffington Post: L'USDA lancia i piani per testare la Monsanto Weed Killer negli alimenti 

Scheda informativa USRTK: Glifosato: preoccupazioni per la salute riguardo al pesticida più utilizzato 

USRTK: Documenti chiave e analisi del caso MDL Monsanto Glyphosate Cancer 

Huffington Post: Monsanto Weed Killer merita un esame più approfondito poiché la manipolazione scientifica è stata rivelata

L'ecologo: OGM "Pro Science", sostenitori di prodotti chimici finanziati da Climate Science Deniers

USRTK: Gruppi di interesse pubblico negli USA Today: Ditch Columns dal Corporate Front Group ACSH

USRTK: Julie Kelly cucina la propaganda per l'industria agrochimica 

Huffington Post: Monsanto's Mind Meld; Spin Machine in marcia alta 

USRTK: Domande su Monsanto, EPA Collusion Raised in Cancer Lawsuits

USRTK: Monsanto e EPA vogliono mantenere segreti i colloqui sulla revisione del cancro del glifosato 

2016

The Hill: Serve controllo necessario un EPA chiede input sui legami del cancro con Monsanto erbicida 

USRTK: Nuova ricerca: insuccesso delle colture Bt OGM

USRTK: Trevor Butterworth lancia la scienza per l'industria 

USRTK: Nuovi dati sui pesticidi negli alimenti sollevano questioni di sicurezza 

USRTK: La FDA sospende i test per il glifosato negli alimenti 

Huffington Post: Altre cattive notizie per il miele poiché gli Stati Uniti cercano di gestire i residui di glifosato negli alimenti

Huffington Post: Scienziati IARC difendono il collegamento al glifosato contro il cancro; Sorpreso dall'assalto dell'industria 

BMJ: I conflitti di interesse compromettono la missione dell'agenzia di sanità pubblica statunitense, affermano gli scienziati 

USRTK: I migliori scienziati del CDC si lamentano dell'influenza aziendale, delle pratiche non etiche

Huffington Post: L'EPA si inchina alla pressione dell'industria chimica nella revisione del glifosato

USRTK: Prossime riunioni dell'EPA sul controllo del disegno del glifosato

USRTK: I test della FDA confermano la farina d'avena, gli alimenti per l'infanzia contengono il diserbante Monsanto 

Huffington Post: La FDA trova il diserbante della Monsanto negli Stati Uniti Honey 

Davis Enterprise: Watchdog Group fa causa a UCD su richiesta di documenti pubblici

Sacramento News & Review: Il Watchdog Group afferma che cinque professori dell'UCD sono stati pagati allo Shill per gli OGM 

Sacramento Bee: Watchdog Group fa causa per obbligare UC Davis a consegnare registri pubblici 

Politico: UC Davis è stata citata in giudizio come parte del sondaggio sull'influenza del settore 

The Hill: Cosa sta succedendo al CDC? L'agenzia sanitaria ha bisogno di controllo

Huffington Post: Altri legami Coca-Cola visti nei centri statunitensi per il controllo delle malattie 

Huffington Post: Le uscite ufficiali del CDC dopo che le connessioni Coca-Cola sono venute alla luce 

Huffington Post: L'industria delle bevande trova un amico all'interno dell'agenzia sanitaria degli Stati Uniti

RTK USA: ILSI esercita un'influenza furtiva per le industrie alimentari e agricole

Huffington Post: Impronte digitali Monsanto trovate ovunque attacco al cibo biologico 

Custode: Gruppo ONU / OMS in Conflict of Interest Row sul rischio di cancro al glifosato

Die Zeit: Glyphosat: Möglicher Interessenskonflikt bei Pflanzenschutzmittel-Bewertung

Settimana dell'orticoltura: Domande sollevate sull'indipendenza del gruppo di esperti che ha trovato sicuro il glifosato 

ARD: Experten werfen Fachgremium Wirtschaftsnähe vor

RTK USA: Conflitti di interesse: revisione del glifosato nel cloud

Notizie STAT: Disney, temendo uno scandalo, cerca di ritirare il giornale di stampa per ritirare il documento di ricerca

Inverso: Lo studio Disney Parks Food mostra i problemi con la scienza aziendale, non con gli hot dog

Marion Nestle: La strana storia del mio commento accettato ma ancora da pubblicare sullo studio finanziato dalla Disney diventa più strana

WBEZ: Perché un professore dell'Illinois non ha dovuto rivelare i finanziamenti per gli OGM

RTK USA: Seguendo un percorso di posta elettronica: come un professore universitario pubblico ha collaborato a una campagna di pubbliche relazioni aziendali

Huffington Post: La macchina dei media della Monsanto arriva a Washington

Intervista con Carey Gillam: Staccare il sipario sulla Monsanto

Equità e accuratezza nei rapporti: L'editorialista alimentare del Washington Post va a Bat for Monsanto - di nuovo

2015

New York Times: L'industria alimentare ha arruolato accademici nella guerra di lobbismo sugli OGM, spettacolo di e-mail

Boston Globe: Il professore di Harvard non è riuscito a rivelare la connessione con Monsanto negli OGM cartacei

Madre Jones: Queste e-mail mostrano che la Monsanto si appoggia ai professori per combattere la guerra alle pubbliche relazioni OGM

Bloomberg: Come la Monsanto ha mobilitato gli accademici per scrivere articoli a sostegno degli OGM

Notizie globali: I documenti rivelano l'obiettivo di adolescenti canadesi della lobby degli OGM

BuzzFeed: Seed Money: le vere confessioni di un promotore di OGM

Alternativa: Come la Monsanto ha sollecitato gli accademici a sostenere la loro propaganda pro-OGM

Cremisi di Harvard: Prof non è riuscito a rivelare la connessione alla società in Paper

Saskatoon Star Phoenix: Domande di gruppo U of S Prof's Monsanto Link

L'intercettazione: Il responsabile della campagna di Jeb Bush ha aiutato Big Pharma a respingere la legislazione sui laboratori anti-metanfetamine

Equità e accuratezza nei rapporti: Buckraking sul ritmo del cibo: quando è un conflitto di interessi?

Commento sulla libertà di informazione e divulgazione  

The Hill: How Freedom Falls: Broken FOIA lung from Healing mentre le agenzie statunitensi imbrogliano pubblicamente

Los Angeles Times: Nella scienza, segui i soldi, se puoi 

New York Times: Scienziati, rinunciate alle vostre e-mail

Biotecnologie naturali: Difendere la trasparenza

Ralph Nader: Monsanto e i suoi promotori contro la libertà di informazione

Ulteriori letture

Affari squallidi: cosa nasconde il grande cibo con la sua campagna di pubbliche relazioni sugli OGM

Una lettera aperta al professor Kevin Folta sulle richieste FOIA

Background su Ketchum, la società di pubbliche relazioni che gestisce GMO Answers

GMO Answers è un sito web di marketing e PR per le aziende OGM

Spinning Food: come i gruppi di facciata dell'industria alimentare e le comunicazioni segrete stanno plasmando la storia del cibo

Breve rapporto dell'USRTK: i giornalisti non sono riusciti a rivelare i finanziamenti delle fonti dalla Monsanto

Background su Jon Entine: il messaggero principale dell'industria chimica 

US Right to Know è un'organizzazione senza scopo di lucro che indaga sui rischi associati al sistema alimentare aziendale, sulle pratiche e sull'influenza dell'industria alimentare sulle politiche pubbliche. Promuoviamo il principio di trasparenza del libero mercato - sul mercato e in politica - come fondamentale per costruire un sistema alimentare migliore e più sano.