Perseguire la verità e la trasparenza per la salute pubblica

The Monsanto Papers: segreti mortali, corruzione aziendale e ricerca di giustizia da parte di un uomo

Stampa E-mail Share Tweet

Il nuovo libro del direttore della ricerca di USRTK Carey Gillam è ora disponibile e sta ottenendo recensioni entusiastiche. Ecco una breve descrizione del libro dell'editore island Press:

Lee Johnson era un uomo con sogni semplici. Tutto quello che voleva era un lavoro stabile e una bella casa per sua moglie e i suoi figli, qualcosa di meglio della dura vita che conosceva crescendo. Non avrebbe mai immaginato che sarebbe diventato il volto di una resa dei conti di Davide e Golia contro uno dei giganti aziendali più potenti del mondo. Ma un incidente sul lavoro ha lasciato Lee immerso in una sostanza chimica tossica e di fronte a un cancro mortale che ha sconvolto la sua vita. Nel 2018, il mondo ha visto Lee essere portato in prima linea in una delle battaglie legali più drammatiche della storia recente.

The Monsanto Papers è la storia interna della storica causa legale di Lee Johnson contro la Monsanto. Per Lee, il caso era una corsa contro il tempo, con i medici che predicevano che non sarebbe sopravvissuto abbastanza a lungo da prendere il banco dei testimoni. Per l'eclettico gruppo di giovani e ambiziosi avvocati che lo rappresentavano, era una questione di orgoglio professionale e rischio personale, con milioni di dollari e una reputazione guadagnata con fatica.

Con una forza narrativa avvincente, The Monsanto Papers porta i lettori dietro le quinte di un'estenuante battaglia legale, tirando indietro il sipario sulle fragilità del sistema giudiziario americano e su quanto gli avvocati si spingeranno per combattere le irregolarità aziendali e trovare giustizia per i consumatori.

Scopri di più su prenota qui. Acquista il libro su AmazonBarnes & Noble, editore island Press o venditori di libri indipendenti.

Recensioni

“Una storia potente, ben raccontata e un notevole lavoro di giornalismo investigativo. Carey Gillam ha scritto un libro avvincente dall'inizio alla fine, su una delle battaglie legali più importanti del nostro tempo ". - Lukas Reiter, produttore esecutivo televisivo e scrittore di "The Blacklist", "The Practice" e "Boston Legal"

“The Monsanto Papers fonde scienza e tragedia umana con il dramma in tribunale nello stile di John Grisham. È una storia di illeciti aziendali su larga scala - una rivelazione agghiacciante dell'avidità, dell'arroganza e del disprezzo sconsiderato dell'industria chimica per la vita umana e la salute del nostro pianeta. È assolutamente da leggere. " - Philip J. Landrigan, MD, Direttore, Programma per la salute pubblica globale e il bene comune, Boston College

“La giornalista investigativa veterana Carey Gillam racconta la storia di Johnson nel suo ultimo libro,“ The Monsanto Papers ”, un resoconto avvincente e frenetico di come le fortune di Monsanto e Bayer siano cambiate drasticamente in un così breve lasso di tempo. Nonostante l'argomento - scienza complicata e procedimenti legali - "The Monsanto Papers" è una lettura avvincente che fornisce una spiegazione facile da seguire di come si è svolto questo contenzioso, come i giurati hanno raggiunto il loro verdetto e perché Bayer sembra essere, in effetti , alzando una bandiera bianca adesso. " - St. Louis Post-Dispatch

“L'autore costruisce un caso convincente secondo cui la Monsanto era più interessata a proteggere la reputazione della sua vacca da reddito che ad ascoltare le prove scientifiche delle sue proprietà pericolose. Gillam è particolarmente bravo a interpretare le complesse dinamiche delle personalità legali, il che aggiunge un'ulteriore dimensione umanizzante alla storia di Johnson ... Un autorevole smantellamento di una società che evidentemente si preoccupa poco della salute pubblica ". - Kirkus

“Gillam racconta una resa dei conti del momento con una grande azienda i cui prodotti sono stati commercializzati come sicuri sin dagli anni '1970. Come esame sia degli illeciti aziendali che delle manovre legali nei casi di illeciti, il libro di Gillam personifica la necessità di protezione e sicurezza dei consumatori ". - Lista di libri

“Una grande lettura, un capovolgimento. Ero totalmente assorbito dall'inganno, dalle distorsioni e dalla mancanza di decenza dell'azienda ". - Linda S. Birnbaum, ex direttrice, National Institute of Environmental Health Sciences e National Toxicology Program, e Scholar in Residence, Duke University

"Un libro potente che fa luce su Monsanto e altri che sono stati intoccabili per così tanto tempo!"
- John Boyd Jr., fondatore e presidente, National Black Farmers Association

L'autore

La giornalista investigativa Carey Gillam ha trascorso più di 30 anni a riferire sull'America aziendale, inclusi 17 anni di lavoro per l'agenzia di stampa internazionale Reuters. Il suo libro del 2017 sui pericoli dei pesticidi, Whitewash: The Story of a Weed Killer, Cancer, and the Corruption of Science, ha vinto il Rachel Carson Book Award 2018 dalla Society of Environmental Journalists ed è diventato parte del curriculum in diverse università di salute ambientale programmi. Gillam è attualmente direttore della ricerca per il gruppo di consumatori senza scopo di lucro US Right to Know e scrive come collaboratore per The Guardian.

Il piano di Bayer per risolvere le future denunce di cancro al Roundup deve affrontare un'ampia opposizione

Stampa E-mail Share Tweet

Decine di studi legali statunitensi hanno formato una coalizione per combattere i nuovi 2 miliardi di dollari proposta di transazione del proprietario della Monsanto Bayer AG che mira a contenere la responsabilità continua della società relativa alle affermazioni secondo cui gli erbicidi Roundup causano un tipo di cancro noto come linfoma non Hodgkin (NHL).

L'accordo è progettato per compensare le persone che sono state esposte ai prodotti Roundup e che hanno già NHL o potrebbero svilupparla in futuro, ma che non hanno ancora intrapreso azioni per intentare una causa.

Il piccolo gruppo di avvocati che hanno messo insieme il piano con Bayer afferma che "salverà vite" e fornirà vantaggi sostanziali alle persone che credono di aver sviluppato il cancro a causa dell'esposizione ai prodotti erbicidi dell'azienda.

Ma molti avvocati che criticano il piano affermano che, se approvato, costituirebbe un pericoloso precedente per altri tipi di controversie che coinvolgono un gran numero di persone ferite dai prodotti o dalle pratiche di potenti società.

"Questa non è la direzione in cui vogliamo che vada il sistema di giustizia civile", ha detto l'avvocato Gerald Singleton, il cui studio si è unito a più di 60 altri studi legali per opporsi al piano di Bayer. "Non esiste uno scenario in cui ciò sia positivo per i querelanti."

Il piano di insediamento di Bayer è stato depositato presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale della California il 3 febbraio e deve essere approvato dal giudice distrettuale degli Stati Uniti Vince Chhabria per diventare effettivo. Un precedente piano di liquidazione presentato lo scorso anno era disprezzato da Chhabria e poi ritirato. Il giudice ha supervisionato il contenzioso federale multidistrettuale Roundup che coinvolge migliaia di querelanti provenienti da tutti gli Stati Uniti.

Le risposte al piano di liquidazione sono previste per il 3 marzo e l'udienza in merito è fissata per il 31 marzo.

Una delle principali preoccupazioni è che gli attuali utenti di Roundup che potrebbero sviluppare il cancro e intendono fare causa in futuro saranno automaticamente soggetti ai termini della transazione di classe a meno che non decidano ufficialmente di rinunciare alla transazione entro un periodo di tempo specifico. Uno dei termini a cui sarebbero soggetti impedirebbe loro di chiedere un risarcimento punitivo in qualsiasi causa futura.

Secondo Singleton, quei termini e altri esposti sono del tutto ingiusti nei confronti dei lavoratori agricoli e di altri che dovrebbero sviluppare il cancro in futuro a causa dell'esposizione ai prodotti erbicidi dell'azienda. Il piano avvantaggia Bayer e fornisce "soldi insanguinati" ai quattro studi legali che hanno collaborato con Bayer per progettare il piano, ha detto.

Le aziende che lavorano con Bayer per redigere e amministrare il piano riceverebbero una proposta di $ 170 milioni se il piano entrasse in vigore.

Elizabeth Cabraser, uno degli avvocati che hanno creato il nuovo accordo proposto, ha detto che le critiche non sono una descrizione equa dell'accordo. In verità, ha detto, il piano "fornisce servizi di sensibilizzazione, istruzione, accesso all'assistenza sanitaria e risarcimenti significativi e urgentemente necessari" per le persone che sono state esposte agli erbicidi Roundup della Monsanto ma non hanno ancora sviluppato un linfoma non Hodgkin (NHL).

"Cerchiamo l'approvazione di questo accordo perché salverà vite umane e migliorerà la qualità della vita attraverso la diagnosi precoce, assisterà le persone ... informarle e sensibilizzare l'opinione pubblica sul legame tra Roundup e NHL ...", ha detto.

Un portavoce di Bayer non ha risposto a una richiesta di commento.

Il nuovo insediamento proposto si rivolge a casi futuri ed è separato dagli 11 miliardi di dollari che Bayer ha stanziato per risolvere le richieste di cancro esistenti negli Stati Uniti Roundup. Le persone interessate dalla proposta di risoluzione di classe sono solo individui che sono stati esposti a Roundup ma non sono ancora in contenzioso e non hanno intrapreso alcuna azione legale.

Bayer ha lottato per capire come porre fine al contenzioso sul cancro di Roundup da quando ha acquistato Monsanto nel 2018. La società ha perso tutti e tre i processi fino ad oggi e ha perso i primi cicli di appello cercando di ribaltare le perdite del processo.

Le giurie in ciascuno dei processi hanno scoperto non solo quello della Monsanto erbicidi a base di glifosato causare il cancro ma anche che la Monsanto ha passato decenni a nascondere i rischi.

Sebbene l'accordo proposto affermi che "affronta le quattro preoccupazioni sollevate dalla Corte riguardo all'accordo precedente ritirato", Singleton e altri avvocati coinvolti nell'opposizione hanno affermato che la nuova proposta di transazione è negativa quanto la prima.

Oltre alle preoccupazioni che i membri della classe non avrebbero il diritto di chiedere richieste di risarcimento danni, i critici si oppongono anche al periodo di "sospensione" di quattro anni che blocca la presentazione di nuove azioni legali. I critici dicono anche che il piano per avvisare le persone dell'insediamento di classe non è sufficiente. Gli individui avrebbero 150 giorni dopo la notifica per "rinunciare" alla classe. Se non rinunciano, entrano automaticamente nella classe.

I critici si oppongono anche alla proposta di formazione di un panel scientifico che funga da "indicatore" per un "ampliamento delle opzioni di compensazione nel futuro" e per fornire prove sulla cancerogenicità - o meno - degli erbicidi di Bayer. Data la storia documentata della Monsanto nella manipolazione delle scoperte scientifiche, il lavoro del panel scientifico sarebbe sospetto, ha detto Singleton.

Il periodo di regolamento iniziale durerebbe almeno quattro anni e potrebbe essere prorogato dopo tale periodo. Se Bayer decide di non continuare il fondo di compensazione dopo il periodo di liquidazione iniziale, pagherà altri $ 200 milioni come "pagamento finale" nel fondo di compensazione, afferma il riepilogo della transazione.

Viene offerto un "compenso sostanziale"

Gli studi legali che hanno redatto l'accordo con Bayer hanno dichiarato nel loro deposito al tribunale che l'accordo è strutturato per fornire ai potenziali futuri attori "ciò che serve maggiormente ai loro interessi", inclusa un'opzione per un "risarcimento sostanziale" se sviluppano un linfoma non Hodgkin .

Il piano prevede l'istituzione di un fondo di compensazione per assegnare premi compresi tra $ 10,000 e $ 200,000 per ogni singolo membro della classe. "Premi di pagamento accelerato" di $ 5,000 sarebbero disponibili su base accelerata, richiedendo solo una dimostrazione di esposizione e diagnosi.

Le persone esposte per la prima volta ai prodotti Roundup almeno 12 mesi prima della diagnosi sarebbero qualificate per i premi. Potrebbero essere assegnati premi di oltre $ 200,000 per "circostanze straordinarie". Quei membri della classe qualificati che sono stati diagnosticati con NHL prima del 1 ° gennaio 2015, non avrebbero ricevuto premi più di $ 10,000, secondo il piano. 

La transazione fornirebbe consulenza legale gratuita e fornirebbe "supporto per assistere i membri della classe nella navigazione, registrazione e richiesta di benefici della transazione".

Inoltre, la proposta afferma che l'accordo finanzierà la ricerca medica e scientifica sulla diagnosi e il trattamento del NHL.

In particolare, il piano afferma che nessuno perderà il diritto di citare in giudizio a meno che non scelga di accettare un risarcimento dal fondo di compensazione, e nessuno deve fare quella scelta fino a quando a quel singolo membro della classe non verrà diagnosticata la NHL. Non sarebbero in grado di chiedere un risarcimento punitivo ma potrebbero chiedere un altro risarcimento.

"Tutti i membri della classe che non presentano un reclamo e accettano un risarcimento individuale mantengono il diritto di citare in giudizio Monsanto per danni compensativi su qualsiasi teoria legale, inclusi lesioni personali, frode, false dichiarazioni, negligenza, occultamento fraudolento, false dichiarazioni negligenti, violazione della garanzia, falsa pubblicità e violazione di qualsiasi legge sulla tutela dei consumatori o atti o pratiche sleali e ingannevoli ", afferma il piano.

Per avvisare le persone della risoluzione dell'azione collettiva, gli avvisi sarebbero stati inviati per posta / e-mail a 266,000 fattorie, aziende e organizzazioni ed enti governativi in ​​cui avrebbero potuto essere utilizzati gli erbicidi dell'azienda, nonché a 41,000 persone affette da linfoma non Hodgkin e chiesto di ricevere informazioni sulla loro malattia. Inoltre, i poster sarebbero stati spediti a 2,700 negozi chiedendo loro di pubblicare avvisi di risoluzione delle azioni collettive.

Come parte dell'accordo proposto, Bayer ha affermato che avrebbe chiesto l'autorizzazione all'Environmental Protection Agency (EPA) per aggiungere informazioni sulle etichette dei suoi prodotti a base di glifosato come Roundup che fornirebbero collegamenti per l'accesso a studi scientifici e altre informazioni sul glifosato sicurezza. Ma i critici affermano che fornire collegamenti a un sito Web è inadeguato e Bayer deve mettere un chiaro avvertimento del rischio di cancro sui prodotti che uccidono le erbe infestanti.

La proposta di accordo di class action minaccia di colpire "centinaia di migliaia o addirittura milioni" di persone che sono state esposte a Roundup e "solleva questioni 'uniche' e profonde" secondo la Costituzione degli Stati Uniti, secondo un tribunale in opposizione al piano Bayer presentato dall'avvocato dei ricorrenti Elizabeth Graham.

Graham ha detto alla corte che se il piano fosse approvato potrebbe avere un "effetto drammatico non solo su questo contenzioso, ma sul futuro del contenzioso di massa"

Agricoltori neri

 La National Black Farmers Association (NBFA) si è pronunciata sulla questione mercoledì, presentando un lungo deposito con il tribunale di Chhabria che afferma che una "parte sostanziale" dei suoi oltre 100,000 membri "è stata esposta e potenzialmente ferita da Roundup e dal suo ingrediente attivo glifosato".

Molti degli agricoltori hanno già sviluppato un linfoma non Hodgkin che incolpano dell'uso di Roundup e "una percentuale ancora maggiore teme che presto svilupperanno sintomi", afferma il documento NBFA.

L'NBFA vuole vedere i prodotti Roundup rimossi dal commercio o altre modifiche apportate per proteggere gli agricoltori, afferma il deposito.

Le preoccupazioni della NBFA devono essere affrontate dal tribunale, in particolare perché Bayer cerca di "risolvere un'azione collettiva con una serie di avvocati che pretendono di rappresentare gli interessi futuri di tutti gli agricoltori che sono stati esposti a Roundup ma devono ancora svilupparsi i tumori che provoca. "

Cause in Australia

Poiché Bayer lavora per porre fine al contenzioso Roundup negli Stati Uniti, la società si occupa anche di rivendicazioni simili da parte di agricoltori e altri in Australia. È in corso un'azione collettiva intentata contro la Monsanto e il querelante principale John Fenton, che ha presentato domanda di Roundup come parte del lavoro agricolo. A Fenton è stato diagnosticato un linfoma non Hodgkin nel 2008.

Sono state stabilite una serie di date chiave: la Monsanto ha tempo fino al 1 ° marzo per fornire i documenti di scoperta agli avvocati dei querelanti e il 4 giugno è il termine fissato per lo scambio di prove di esperti. Le parti entreranno in mediazione entro il 30 luglio e se nulla verrà risolto il caso andrà in giudizio nel marzo 2022.

Fenton ha detto che mentre "amerebbe l'opportunità" di andare in giudizio e raccontare la sua storia, spera che la mediazione risolverà la questione. “Penso che il consenso stia iniziando a cambiare grazie a quanto sta accadendo negli Stati Uniti. Gli agricoltori sono più consapevoli e credo che prendano più precauzioni rispetto a prima.

Fenton ha detto che spera che la Bayer alla fine metterà un'etichetta di avvertimento sugli erbicidi a base di glifosato della Monsanto.

"Almeno con un avvertimento l'utente può decidere autonomamente quale DPI (dispositivo di protezione individuale) sceglie di indossare."

Un altro studio Roundup trova collegamenti a potenziali problemi di salute umana

Stampa E-mail Share Tweet

(Aggiornato il 17 febbraio, aggiungendo critiche allo studio)

A nuovo articolo scientifico l'esame dei potenziali impatti sulla salute degli erbicidi Roundup ha trovato collegamenti tra l'esposizione al glifosato chimico che uccide le erbe infestanti e un aumento di un tipo di amminoacido noto per essere un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

I ricercatori hanno preso le loro decisioni dopo aver esposto le ratte gravide ei loro cuccioli appena nati al glifosato e al Roundup attraverso l'acqua potabile. Hanno affermato di aver esaminato in modo specifico gli effetti degli erbicidi a base di glifosato (GBH) sui metaboliti urinari e sulle interazioni con il microbioma intestinale negli animali.

I ricercatori hanno affermato di aver trovato un aumento significativo di un amminoacido chiamato omocisteina nei cuccioli di ratto maschio esposti a glifosato e Roundup.

"Il nostro studio fornisce la prova iniziale che l'esposizione a GBH di uso comune, a una dose di esposizione umana attualmente accettabile, è in grado di modificare i metaboliti delle urine sia nei ratti adulti che nei cuccioli", hanno affermato i ricercatori.

Il documento, intitolato "L'esposizione a basse dosi di erbicidi a base di glifosato interrompe il metaboloma delle urine e la sua interazione con il microbiota intestinale", è scritto da cinque ricercatori affiliati alla Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York e quattro dal Ramazzini Institute a Bologna, Italia. È stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports il 5 febbraio.

Gli autori hanno riconosciuto molte limitazioni con il loro studio, inclusa una piccola dimensione del campione, ma hanno affermato che il loro lavoro ha dimostrato che "l'esposizione a basse dosi gestazionale e nella prima infanzia al glifosato o Roundup ha alterato in modo significativo più biomarcatori metabolomici delle urine, sia nelle madri che nella prole".

Lo studio è il primo sui cambiamenti metabolomici urinari indotti da erbicidi a base di glifosato a dosi attualmente considerate sicure per l'uomo, hanno detto i ricercatori.

Il documento segue la pubblicazione lo scorso mese di uno studio nella rivista Environmental Health Perspectives che ha trovato il glifosato e un prodotto Roundup possono alterare la composizione del microbioma intestinale in modi che possono essere collegati a esiti negativi per la salute. In quella ricerca furono coinvolti anche scienziati dell'Istituto Ramazzini.

Robin Mesnage, uno degli autori dell'articolo pubblicato il mese scorso su Environmental Health Perspectives, ha contestato la validità del nuovo articolo. Ha detto che l'analisi dei dati ha mostrato le differenze rilevate tra gli animali esposti al glifosato e quelli non esposti - gli animali di controllo - avrebbero potuto essere rilevate in modo simile con dati generati casualmente.

"Nel complesso, l'analisi dei dati non supporta la conclusione che il glifosato interrompe il metaboloma delle urine e il microbiota intestinale degli animali esposti", ha detto Mesnage. "Questo studio confonderà ulteriormente un po 'di più il dibattito sulla tossicità del glifosato".

Diversi studi recenti sul glifosato e Roundup hanno riscontrato una serie di preoccupazioni.

Bayer, che ha ereditato il marchio di erbicida a base di glifosato della Monsanto e il suo portafoglio di semi geneticamente modificati tolleranti al glifosato quando ha acquistato l'azienda nel 2018, sostiene che l'abbondanza di studi scientifici nel corso di decenni conferma che il glifosato non causa il cancro. Anche la US Environmental Protection Agency e molti altri organismi di regolamentazione internazionali non considerano cancerogeni i prodotti a base di glifosato.

Ma l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell'Organizzazione mondiale della sanità nel 2015 ha affermato che una revisione della ricerca scientifica ha trovato ampie prove che il glifosato è un probabile cancerogeno per l'uomo.

Bayer ha perso tre processi su tre portati da persone che incolpano i loro tumori per l'esposizione agli erbicidi della Monsanto, e lo scorso anno Bayer ha detto che avrebbe pagato circa $ 11 miliardi per risolvere più di 100,000 richieste simili.

 

 

Impianto di contaminazione da pesticidi chiuso; Vedere i documenti normativi del Nebraska relativi ai problemi dei neonicotinoidi AltEn

Stampa E-mail Share Tweet

AGGIORNAMENTO - A febbraio, circa un mese dopo che la segnalazione ha rivelato i pericoli della pratica della pianta AltEn di utilizzare semi trattati con pesticidi, i regolatori statali del Nebraska ha ordinato la chiusura dell'impianto.  

Andate a questa storia del 10 gennaio in The Guardian, che è stato il primo a denunciare i pericolosi livelli di pesticidi che contaminano una piccola comunità del Nebraska e la relativa inazione da parte dei regolatori.

Le preoccupazioni si sono concentrate su AltEn, un impianto di etanolo a Mead, Nebraska, che è stato fonte di numerose denunce della comunità sull'uso di semi rivestiti di pesticidi per la sua produzione di biocarburanti e sui prodotti di scarto che ne derivano, che hanno dimostrato di contenere livelli di neonicotinoidi nocivi e altri pesticidi ben al di sopra dei livelli generalmente considerati sicuri.

Le preoccupazioni in Mead non sono che l'ultimo esempio della crescente paura globale per gli impatti dei neonicotinoidi.

Vedi qui alcuni dei documenti normativi relativi alla controversia così come altri materiali di fondo:

Analisi dei grani dei distillatori a torta

Analisi delle acque reflue 

Reclamo cittadino aprile 2018

Risposta dello Stato ai reclami dell'aprile 2018

Risposta dello stato di maggio 2018 ai reclami

AltEn Stop use & sell letter giugno 2019

Lettera di stato che nega i permessi e discute i problemi

Elenco degli agricoltori di maggio 2018 dove distribuiscono i rifiuti

Luglio 2018 discussione sul wetcake trattato come seme

La lettera di settembre 2020 si riempie di foto

Lettera di non conformità ottobre 2020

Foto aeree del sito scattate dallo Stato

Come i neonicotinoidi possono uccidere le api

Tendenze nei residui di pesticidi neonicotinoidi negli alimenti e nell'acqua negli Stati Uniti, 1999-2015

Lettera di esperti sanitari all'EPA di avvertimento sui neonicotinoidi

Lettera della Endocrine Society all'EPA sui neonicotinoidi 

I pesticidi neonicotinoidi possono rimanere nel mercato statunitense, afferma l'EPA

Petizione alla California per regolamentare i semi trattati con neoni

Api che svaniscono: scienza, politica e salute delle api (Rutgers University Press, 2017)

Bayer fa un nuovo piano da 2 miliardi di dollari per scongiurare future richieste di cancro al Roundup

Stampa E-mail Share Tweet

Il proprietario della Monsanto, Bayer AG, ha detto mercoledì che stava tentando di nuovo di gestire e risolvere potenziali futuri reclami sul cancro di Roundup, spiegando un affare da $ 2 miliardi con un gruppo di avvocati dei querelanti che Bayer spera otterrà l'approvazione di un giudice federale che ha rifiutato un piano precedente la scorsa estate.

In particolare, l'accordo richiede a Bayer di chiedere il permesso all'Agenzia per la protezione dell'ambiente (EPA) per aggiungere informazioni sulle etichette dei suoi prodotti a base di glifosato come Roundup che fornirebbero collegamenti per l'accesso a studi scientifici e altre informazioni sulla sicurezza del glifosato.

Inoltre, secondo Bayer, il piano prevede l'istituzione di un fondo che indennizzi i "richiedenti qualificati" per un programma quadriennale; istituire un gruppo scientifico consultivo i cui risultati potrebbero essere utilizzati come prove in potenziali controversie future; e sviluppo di programmi diagnostici e di ricerca per la ricerca medica e / o scientifica nella diagnosi e nel trattamento del linfoma non Hodgkin.

Il piano deve essere approvato dal giudice distrettuale degli Stati Uniti Vince Chhabria del tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale della California. Chhabria ha supervisionato il contenzioso multidistrettuale Roundup.

Bayer ha affermato che i membri della classe che si qualificheranno nei prossimi quattro anni potranno beneficiare di livelli di premi compensativi basati sulle linee guida stabilite nell'accordo. La "classe di insediamento" si riferisce a persone che sono state esposte ai prodotti Roundup ma non hanno ancora intentato una causa per rivendicare lesioni da tale esposizione.

I membri della classe di insediamento avrebbero diritto a un risarcimento tra $ 10,000 e $ 200,000, ha detto Bayer.
Secondo l'accordo, la distribuzione del fondo di liquidazione si articolerebbe come segue:
* Fondo di compensazione - Almeno $ 1.325 miliardi
* Programma di sovvenzione per l'accessibilità diagnostica - $ 210 milioni
* Programma di finanziamento della ricerca - $ 40 milioni
* Costi di amministrazione della transazione, costi del comitato scientifico consultivo, costi di notifica della classe di transazione, tasse,
e Commissioni e spese dell'agente di deposito a garanzia - Fino a $ 55 milioni
Il piano di risoluzione proposto per il futuro contenzioso class action è separato da l'accordo transattivo Bayer ha collaborato con gli avvocati per decine di migliaia di querelanti che hanno già presentato reclami per presunta esposizione a Roundup e altri diserbanti a base di glifosato della Monsanto che hanno causato loro lo sviluppo di linfoma non Hodgkin.
Bayer ha lottato per capire come porre fine al contenzioso sul cancro di Roundup da quando ha acquistato Monsanto nel 2018. La società ha perso tutti e tre i processi fino ad oggi e ha perso i primi cicli di appello cercando di ribaltare le perdite del processo.
Le giurie in ciascuno dei processi hanno scoperto non solo quello della Monsanto erbicidi a base di glifosato causare il cancro ma anche che la Monsanto ha passato decenni a nascondere i rischi.

Un nuovo studio rileva alterazioni correlate al glifosato nel microbioma intestinale

Stampa E-mail Share Tweet

Un nuovo studio sugli animali condotto da un gruppo di ricercatori europei ha scoperto che bassi livelli di glifosato chimico che uccide le erbe infestanti e il prodotto Roundup a base di glifosato possono alterare la composizione del microbioma intestinale in modi che possono essere collegati a esiti avversi per la salute.

La carta, pubblicato mercoledì sul giornale Environmental Health Perspectives, è scritto da 13 ricercatori, tra cui il responsabile dello studio Dr.Michael Antoniou, capo del Gene Expression and Therapy Group all'interno del Dipartimento di genetica medica e molecolare presso il King's College di Londra, e il dottor Robin Mesnage, un ricercatore associato in tossicologia computazionale all'interno lo stesso gruppo. Scienziati dell'Istituto Ramazzini di Bologna, Italia, hanno partecipato allo studio, così come scienziati francesi e olandesi.

È stato scoperto che gli effetti del glifosato sul microbioma intestinale sono causati dallo stesso meccanismo d'azione con cui il glifosato agisce per uccidere le erbacce e altre piante, hanno detto i ricercatori.

I microbi nell'intestino umano includono una varietà di batteri e funghi che hanno un impatto sulle funzioni immunitarie e su altri importanti processi e un'interruzione di quel sistema può contribuire a una serie di malattie, hanno detto i ricercatori.

"Sia il glifosato che il Roundup hanno avuto un effetto sulla composizione della popolazione batterica intestinale", Antoniou ha detto in un'intervista. “Sappiamo che il nostro intestino è abitato da migliaia di diversi tipi di batteri e un equilibrio nella loro composizione, più importante nella loro funzione, è fondamentale per la nostra salute. Quindi tutto ciò che disturba, disturba negativamente, il microbioma intestinale ... ha il potenziale di causare problemi di salute perché si passa da un funzionamento equilibrato che favorisce la salute a un funzionamento squilibrato che può portare a un intero spettro di malattie diverse ".

Vedi l'intervista di Carey Gillam al dott. Michael Antonoiu e al dott. Robin Mesnage sul loro nuovo studio che esamina l'impatto del glifosato sul microbioma intestinale.

Gli autori del nuovo documento hanno affermato di aver determinato che, contrariamente ad alcune affermazioni dei critici sull'uso del glifosato, il glifosato non ha agito come un antibiotico, uccidendo i batteri necessari nell'intestino.

Invece, hanno scoperto - per la prima volta, hanno detto - che il pesticida interferiva in modo potenzialmente preoccupante con il percorso biochimico shikimato dei batteri intestinali degli animali utilizzati nell'esperimento. Questa interferenza è stata evidenziata da cambiamenti in sostanze specifiche nell'intestino. L'analisi della biochimica dell'intestino e del sangue ha rivelato prove che gli animali erano sotto stress ossidativo, una condizione associata a danni al DNA e cancro.

I ricercatori hanno affermato che non è chiaro se il disturbo all'interno del microbioma intestinale abbia influenzato lo stress metabolico.

L'indicazione dello stress ossidativo era più pronunciata negli esperimenti che utilizzavano un erbicida a base di glifosato chiamato Roundup BioFlow, un prodotto del proprietario della Monsanto Bayer AG, hanno detto gli scienziati.

Gli autori dello studio hanno affermato che stavano conducendo più studi per cercare di decifrare se lo stress ossidativo che hanno osservato stava anche danneggiando il DNA, il che aumenterebbe il rischio di cancro.

Gli autori hanno affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere veramente le implicazioni sulla salute dell'inibizione del glifosato della via dello shikimato e di altri disturbi metabolici nel microbioma intestinale e nel sangue, ma i primi risultati potrebbero essere utilizzati nello sviluppo di biomarcatori per studi epidemiologici e per capire se gli erbicidi a base di glifosato possono avere effetti biologici sulle persone.

Nello studio, le femmine di ratto hanno ricevuto il glifosato e il prodotto Roundup. Le dosi sono state somministrate attraverso l'acqua potabile fornita agli animali e sono state somministrate a livelli rappresentativi delle assunzioni giornaliere accettabili considerate sicure dai regolatori europei e statunitensi.

Antoniou ha detto che i risultati dello studio si basano su altre ricerche che rendono chiaro che i regolatori si affidano a metodi obsoleti per determinare cosa costituisce i livelli "sicuri" di glifosato e altri pesticidi nel cibo e nell'acqua. I residui di pesticidi utilizzati in agricoltura si trovano comunemente in una serie di alimenti consumati regolarmente.

"Le autorità di regolamentazione devono entrare nel ventunesimo secolo, smettere di trascinare i piedi ... e abbracciare i tipi di analisi che abbiamo fatto in questo studio", ha detto Antoniou. Ha detto che il profilo molecolare, parte di una branca della scienza noto come "OMICS", sta rivoluzionando la base delle conoscenze sugli impatti che l'esposizione chimica ha sulla salute.

Lo studio sui ratti non è che l'ultimo di una serie di esperimenti scientifici volti a determinare se glifosato e gli erbicidi a base di glifosato - incluso Roundup - possono essere dannosi per l'uomo, anche a livelli di esposizione che i regolatori affermano siano sicuri.

Molti di questi studi hanno trovato una serie di preoccupazioni, tra cui uno pubblicato a novembre  dai ricercatori dell'Università di Turku in Finlandia che hanno affermato di essere in grado di determinare, in una "stima prudente", che circa il 54% delle specie nel nucleo del microbioma intestinale umano sono "potenzialmente sensibili" al glifosato.

Come ricercatori sempre più guarda per capire il microbioma umano e il ruolo che svolge nella nostra salute, le domande sui potenziali impatti del glifosato sul microbioma intestinale sono state oggetto non solo di dibattito nei circoli scientifici, ma anche di contenzioso.

L'anno scorso, Bayer accettato di pagare $ 39.5 milioni per liquidare le affermazioni secondo cui la Monsanto ha pubblicato pubblicità fuorvianti in cui si affermava che il glifosato avesse solo un enzima nelle piante e non potesse avere un impatto simile sugli animali domestici e sulle persone. I querelanti nel caso presumibilmente il glifosato hanno preso di mira un enzima trovato negli esseri umani e negli animali che rafforza il sistema immunitario, la digestione e la funzione cerebrale.

Bayer, che ha ereditato il marchio di erbicida a base di glifosato della Monsanto e il suo portafoglio di semi geneticamente modificati tolleranti al glifosato quando ha acquistato l'azienda nel 2018, sostiene che l'abbondanza di studi scientifici nel corso di decenni conferma che il glifosato non causa il cancro. Anche la US Environmental Protection Agency e molti altri organismi di regolamentazione internazionali non considerano cancerogeni i prodotti a base di glifosato.

Ma l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell'Organizzazione mondiale della sanità nel 2015 ha affermato che una revisione della ricerca scientifica ha trovato ampie prove che il glifosato è un probabile cancerogeno per l'uomo.

Da quel momento, Bayer ha perso tre processi su tre portati da persone che incolpano i loro tumori per l'esposizione agli erbicidi della Monsanto, e lo scorso anno Bayer ha detto che avrebbe pagato circa 11 miliardi di dollari per risolvere più di 100,000 richieste simili.

Un nuovo studio esamina l'impatto dell'erbicida Roundup sulle api mellifere

Stampa E-mail Share Tweet

Un gruppo di ricercatori cinesi ha trovato prove che i prodotti erbicidi commerciali a base di glifosato sono dannosi per le api mellifere alle concentrazioni raccomandate o inferiori.

In un articolo pubblicato nel diario online Rapporti scientifici, ricercatori affiliati all'Accademia cinese di scienze agricole di Pechino e al Chinese Bureau of Landscape and Forestry, hanno affermato di aver riscontrato una serie di impatti negativi sulle api mellifere esponendole a Roundup - un glifosatoa base di prodotti venduti dal proprietario della Monsanto Bayer AG.

La memoria delle api era "significativamente compromessa dopo l'esposizione a Roundup", suggerendo che l'esposizione cronica delle api mellifere alla sostanza chimica che uccide le erbe infestanti "può avere un impatto negativo sulla ricerca e la raccolta di risorse e sul coordinamento delle attività di foraggiamento" da parte delle api, hanno detto i ricercatori .

Inoltre, "la capacità di arrampicata delle api mellifere è diminuita significativamente dopo il trattamento con la concentrazione raccomandata di Roundup", hanno scoperto i ricercatori.

I ricercatori hanno detto che c'è bisogno di un "sistema di allarme rapido per irrorazione di erbicidi affidabile" nelle zone rurali della Cina perché gli apicoltori in quelle aree "di solito non vengono informati prima che gli erbicidi vengano spruzzati" e si verificano "frequenti episodi di avvelenamento delle api da miele".

La produzione di molte importanti colture alimentari dipende dalle api mellifere e dalle api selvatiche per l'impollinazione e ha notato declini nelle popolazioni di api ha sollevato preoccupazioni in tutto il mondo sulla sicurezza alimentare.

Un documento della Rutgers University pubblicato la scorsa estate ha avvertito che "i raccolti di mele, ciliegie e mirtilli negli Stati Uniti stanno diminuendo a causa della mancanza di impollinatori".

Una morte e un accordo mentre Bayer continua a cercare di porre fine al contenzioso Roundup

Stampa E-mail Share Tweet

Sette mesi dopo Bayer AG piani annunciati per una soluzione radicale del contenzioso contro il cancro degli Stati Uniti Roundup, il proprietario tedesco della Monsanto Co. continua a lavorare per risolvere decine di migliaia di richieste di risarcimento presentate da persone affette da cancro che, secondo loro, sono state causate dai prodotti per l'uccisione di erbacce della Monsanto. Mercoledì, un altro caso è apparso per trovare la chiusura, anche se l'attore non ho vissuto abbastanza per vederlo.

Gli avvocati di Jaime Alvarez Calderon hanno accettato all'inizio di questa settimana un accordo offerto dalla Bayer dopo il giudice distrettuale degli Stati Uniti Vince Chhabria lunedì negato giudizio sommario a favore della Monsanto, consentendo al caso di avvicinarsi a un processo.

L'insediamento andrà ai quattro figli di Alvarez perché il loro padre di 65 anni, un operaio di lunga data di un'azienda vinicola nella contea di Napa, in California, è morto poco più di un anno fa da linfoma non Hodgkin ha incolpato per anni il suo lavoro di irrorazione di Roundup intorno alla proprietà della cantina.

In un'udienza tenutasi nella corte federale mercoledì, l'avvocato della famiglia Alvarez David Diamond ha detto al giudice Chhabria che l'accordo avrebbe chiuso il caso.

Dopo l'udienza, Diamond ha detto che Alvarez ha lavorato nelle cantine per 33 anni, utilizzando uno spruzzatore a zaino per applicare a base di glifosato erbicidi alla superficie tentacolare per il gruppo di aziende vinicole Sutter Home. Spesso tornava a casa la sera con indumenti bagnati di erbicida a causa di perdite nell'attrezzatura e diserbante che andava alla deriva nel vento. Gli è stato diagnosticato nel 2014 un linfoma non Hodgkin, sottoposto a più cicli di chemioterapia e altri trattamenti prima di morire nel dicembre 2019.

Diamond ha detto di essere felice di risolvere il caso, ma ha ancora "400 e più" casi di Roundup irrisolti.

Non è solo. Almeno una mezza dozzina di altri studi legali statunitensi hanno querelanti Roundup per i quali stanno cercando strutture di processo nel 2021 e oltre.

Da quando ha acquistato Monsanto nel 2018, Bayer ha lottato per capire come farlo porre fine al contenzioso che include più di 100,000 querelanti negli Stati Uniti. La società ha perso tutti e tre i processi finora tenuti e ha perso i primi cicli di appelli volti a ribaltare le perdite del processo. Le giurie in ciascuna delle prove hanno scoperto che la Monsanto erbicidi a base di glifosato causano il cancro e che la Monsanto ha passato decenni a nascondere i rischi.

Oltre agli sforzi per risolvere i reclami attualmente in sospeso, Bayer spera anche di creare un meccanismo per risolvere i potenziali reclami che potrebbe affrontare dagli utenti Roundup che sviluppano un linfoma non Hodgkin in futuro. Il suo piano iniziale per la gestione di controversie future è stato rifiutato dal giudice Chhabria e la società deve ancora annunciare un nuovo piano.

International Life Sciences Institute (ILSI) è un gruppo di lobby dell'industria alimentare

Stampa E-mail Share Tweet

L'International Life Sciences Institute (ILSI) è un'organizzazione senza scopo di lucro finanziata da aziende con sede a Washington DC, con 17 sezioni affiliate in tutto il mondo. ILSI descrive se stesso come gruppo che conduce "scienza per il bene pubblico" e "migliora la salute e il benessere umano e salvaguarda l'ambiente". Tuttavia, le indagini di accademici, giornalisti e ricercatori di interesse pubblico mostrano che ILSI è un gruppo di pressione che protegge gli interessi dell'industria alimentare, non la salute pubblica.

Notizie recenti

  • Coca-Cola ha reciso i suoi legami di vecchia data con ILSI. La mossa è "un duro colpo per la potente organizzazione alimentare nota per la sua ricerca e le sue politiche a favore dello zucchero", Bloomberg ha riferito nel mese di gennaio 2021.  
  • L'ILSI ha aiutato la Coca-Cola Company a definire la politica sull'obesità in Cina, secondo uno studio del settembre 2020 nel Journal of Health Politics, Policy and Law dalla professoressa di Harvard Susan Greenhalgh. “Al di sotto della narrativa pubblica dell'ILSI di scienza imparziale e di nessuna difesa politica giaceva un labirinto di canali nascosti che le aziende utilizzavano per promuovere i propri interessi. Lavorando attraverso questi canali, la Coca Cola ha influenzato la scienza e la politica cinese in ogni fase del processo politico, dall'inquadrare le questioni alla stesura della politica ufficiale ", conclude il documento.

  • I documenti ottenuti da US Right to Know aggiungono ulteriori prove che ILSI è un gruppo di facciata dell'industria alimentare. A maggio 2020 studiare in nutrizione per la salute pubblica sulla base dei documenti rivelano "un modello di attività in cui ILSI ha cercato di sfruttare la credibilità di scienziati e accademici per rafforzare le posizioni dell'industria e promuovere i contenuti ideati dall'industria nelle sue riunioni, riviste e altre attività". Guarda la copertura in The BMJ, L'industria alimentare e delle bevande ha cercato di influenzare scienziati e accademici, mostrano le e-mail  (5.22.20)

  • Rapporto di aprile 2020 di Corporate Accountability esamina il modo in cui le società di alimenti e bevande hanno sfruttato l'ILSI per infiltrarsi nel comitato consultivo delle linee guida dietetiche degli Stati Uniti e paralizzare i progressi sulla politica nutrizionale in tutto il mondo. Guarda la copertura in The BMJ, Secondo il rapporto, l'industria alimentare e delle bevande analcoliche ha troppa influenza sulle linee guida dietetiche statunitensi (4.24.20) 

  • Indagine del New York Times di Andrew Jacobs rivela che un fiduciario dell'ILSI senza scopo di lucro finanziata dall'industria ha consigliato al governo indiano di non procedere con le etichette di avvertimento sui cibi malsani. I tempi descritto ILSI come un "gruppo industriale oscuro" e "il gruppo dell'industria alimentare più potente di cui non hai mai sentito parlare". (9.16.19) The Times ha citato a Studio di giugno su Globalizzazione e salute co-autore di Gary Ruskin di US Right to Know che riferisce che ILSI opera come un braccio di pressione per i suoi finanziatori dell'industria alimentare e dei pesticidi.

  • La Il New York Times ha rivelato i legami ILSI non divulgati di Bradley C. Johnston, un coautore di cinque recenti studi che affermano che la carne rossa e lavorata non pone problemi di salute significativi. Johnston ha utilizzato metodi simili in uno studio finanziato dall'ILSI per affermare che lo zucchero non è un problema. (10.4.19)

  • Blog di Food Politics di Marion Nestlé, ILSI: rivelati i veri colori (10.3.19)

ILSI è legato alla Coca-Cola 

ILSI è stata fondata nel 1978 da Alex Malaspina, ex vicepresidente senior di Coca-Cola che ha lavorato per Coca-Cola dal 1969 al 2001. Coca-Cola ha mantenuto stretti legami con ILSI. Michael Ernest Knowles, VP di Coca-Cola per gli affari scientifici e normativi globali dal 2008 al 2013, è stato presidente dell'ILSI dal 2009 al 2011. In 2015, Il presidente dell'ILSI era Rhona Applebaum, che si è ritirata dal suo lavoro come chief health and science officer di Coca-Cola (e da ILSI) nel 2015 dopo il New York Times e  The Associated Press ha riferito che Coke ha finanziato la Global Energy Balance Network senza scopo di lucro per aiutare a spostare la colpa dell'obesità lontano dalle bevande zuccherate.  

Finanziamento aziendale 

ILSI è finanziato dal suo membri dell'azienda e sostenitori dell'azienda, comprese le principali aziende alimentari e chimiche. ILSI riconosce di aver ricevuto finanziamenti dall'industria ma non rivela pubblicamente chi dona o quanto contribuisce. La nostra ricerca rivela:

  • Contributi aziendali a ILSI Global per un importo di 2.4 milioni di dollari nel 2012. Ciò includeva 528,500 dollari da CropLife International, un contributo di 500,000 dollari da Monsanto e 163,500 dollari da Coca-Cola.
  • A progetto di dichiarazione dei redditi ILSI 2013 mostra che ILSI ha ricevuto 337,000 dollari da Coca-Cola e più di 100,000 dollari ciascuno da Monsanto, Syngenta, Dow Agrisciences, Pioneer Hi-Bred, Bayer CropScience e BASF.
  • A progetto di dichiarazione dei redditi ILSI Nord America 2016 mostra un contributo di $ 317,827 da PepsiCo, contributi superiori a $ 200,000 da Mars, Coca-Cola e Mondelez e contributi superiori a $ 100,000 da General Mills, Nestle, Kellogg, Hershey, Kraft, Dr. Pepper, Snapple Group, Starbucks Coffee, Cargill, Uniliver e Campbell Soup.  

Le e-mail mostrano come ILSI cerca di influenzare la politica per promuovere le opinioni del settore 

A Studio del maggio 2020 in Public Health Nutrition aggiunge la prova che ILSI è un gruppo di facciata dell'industria alimentare. Lo studio, basato su documenti ottenuti da US Right to Know tramite richieste di registri pubblici statali, rivela come ILSI promuove gli interessi delle industrie alimentari e agrochimiche, compreso il ruolo dell'ILSI nel difendere ingredienti alimentari controversi e nel sopprimere punti di vista sfavorevoli all'industria; che le società come Coca-Cola possono destinare contributi all'ILSI per programmi specifici; e come l'ILSI utilizza gli accademici per la loro autorità ma consente all'industria un'influenza nascosta nelle loro pubblicazioni.

Lo studio rivela anche nuovi dettagli su quali società finanziano ILSI e le sue filiali, con centinaia di migliaia di dollari di contributi documentati dalle principali aziende chimiche, di soda e cibo spazzatura.

A Documento di giugno 2019 in Globalizzazione e salute fornisce diversi esempi di come ILSI promuove gli interessi dell'industria alimentare, in particolare promuovendo la scienza e gli argomenti favorevoli all'industria presso i responsabili politici. Lo studio si basa su documenti ottenuti da US Right to Know tramite leggi statali sui registri pubblici.  

I ricercatori hanno concluso: “L'ILSI cerca di influenzare gli individui, le posizioni e la politica, sia a livello nazionale che internazionale, ei suoi membri aziendali lo impiegano come strumento per promuovere i loro interessi a livello globale. La nostra analisi dell'ILSI serve come avvertimento per coloro che sono coinvolti nella governance della salute globale per diffidare di gruppi di ricerca presumibilmente indipendenti e per praticare la due diligence prima di fare affidamento sui loro studi finanziati e / o impegnarsi in rapporti con tali gruppi ".   

L'ILSI ha minato la lotta all'obesità in Cina

Nel gennaio 2019, due articoli di La professoressa di Harvard Susan Greenhalgh ha rivelato la potente influenza dell'ILSI sul governo cinese sulle questioni legate all'obesità. I documenti documentano come la Coca-Cola e altre società hanno lavorato attraverso la filiale cinese dell'ILSI per influenzare decenni di scienza cinese e di politiche pubbliche sull'obesità e sulle malattie legate all'alimentazione come il diabete di tipo 2 e l'ipertensione. Leggi i giornali:

L'ILSI è così ben posizionata in Cina che opera dall'interno del Centro governativo per il controllo e la prevenzione delle malattie a Pechino.

Gli articoli del professor Geenhalgh documentano come la Coca-Cola e altri giganti occidentali del cibo e delle bevande "abbiano contribuito a plasmare decenni di scienza cinese e di politiche pubbliche sull'obesità e le malattie legate all'alimentazione" operando attraverso l'ILSI per coltivare i principali funzionari cinesi "nel tentativo di allontanare il crescente movimento per la regolamentazione del cibo e le tasse sulla soda che sta investendo l'Occidente ", ha riferito il New York Times.  

Ulteriori ricerche accademiche da US Right to Know su ILSI 

L'archivio dei documenti dell'Industria del tabacco UCSF è terminato 6,800 documenti relativi a ILSI.  

Studio ILSI sullo zucchero "uscito dal manuale dell'industria del tabacco"

Esperti di sanità pubblica hanno denunciato un finanziamento ILSI studio dello zucchero pubblicato in un'importante rivista medica nel 2016 che è stato un "attacco feroce ai consigli sanitari globali per mangiare meno zucchero", ha riferito Anahad O'Connor sul New York Times. Lo studio finanziato dall'ILSI ha sostenuto che gli avvertimenti per ridurre lo zucchero si basano su prove deboli e non ci si può fidare.  

La storia del Times ha citato Marion Nestle, una professoressa della New York University che studia i conflitti di interesse nella ricerca sulla nutrizione, sullo studio ILSI: "Questo esce direttamente dal playbook dell'industria del tabacco: metti in dubbio la scienza", ha detto Nestle. “Questo è un classico esempio di come il finanziamento dell'industria distorca l'opinione. È vergognoso. " 

Le compagnie del tabacco hanno usato l'ILSI per contrastare la politica 

Un rapporto del luglio 2000 di un comitato indipendente dell'Organizzazione mondiale della sanità ha delineato una serie di modi in cui l'industria del tabacco ha tentato di minare gli sforzi dell'OMS per il controllo del tabacco, incluso l'utilizzo di gruppi scientifici per influenzare il processo decisionale dell'OMS e per manipolare il dibattito scientifico sugli effetti sulla salute di tabacco. ILSI ha svolto un ruolo chiave in questi sforzi, secondo un caso di studio sull'ILSI che ha accompagnato il rapporto. "I risultati indicano che l'ILSI è stato utilizzato da alcune aziende del tabacco per contrastare le politiche di controllo del tabacco. I funzionari senior dell'ILSI sono stati direttamente coinvolti in queste azioni ”, secondo il caso di studio. Vedere: 

L'archivio dei documenti dell'Industria del tabacco UCSF ha più di 6,800 documenti relativi a ILSI

I leader ILSI hanno aiutato a difendere il glifosato come presidenti del pannello chiave 

Nel maggio 2016, l'ILSI è stata esaminata dopo le rivelazioni secondo cui il vicepresidente dell'ILSI Europa, il professor Alan Boobis, era anche presidente di un pannello delle Nazioni Unite che ha scoperto la sostanza chimica della Monsanto glifosato era improbabile che rappresentasse un rischio di cancro attraverso la dieta. Il co-presidente della riunione congiunta delle Nazioni Unite sui residui di pesticidi (JMPR), il professor Angelo Moretto, era un membro del consiglio dell'ILSI's Health and Environment Services Institute. Nessuno dei presidenti del JMPR ha dichiarato i propri ruoli di leadership ILSI come conflitti di interesse, nonostante significativi contributi finanziari ricevuti da ILSI dalla Monsanto e dal gruppo commerciale dell'industria dei pesticidi. Vedere: 

Gli intimi legami dell'ILSI con i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie  

A giugno 2016, Segnalato dagli Stati Uniti Right to Know che la dottoressa Barbara Bowman, direttrice di una divisione CDC incaricata di prevenire malattie cardiache e ictus, ha cercato di aiutare il fondatore dell'ILSI, Alex Malaspina, a influenzare i funzionari dell'Organizzazione mondiale della sanità per annullare le politiche per ridurre il consumo di zucchero. Bowman ha suggerito a Malaspina persone e gruppi con cui parlare e ha sollecitato i suoi commenti su alcuni riassunti dei rapporti del CDC, come mostrano le e-mail. (Arciere dimesso dopo che il nostro primo articolo è stato pubblicato su questi legami.)

Questo gennaio 2019 studio nel Milbank Quarterly descrive le email chiave di Malaspina che si confidava con il dottor Bowman. Per ulteriori rapporti su questo argomento, vedere: 

Influenza dell'ILSI sul comitato consultivo delle linee guida dietetiche degli Stati Uniti

relazione del gruppo senza scopo di lucro Corporate Accountability documenta come l'ILSI abbia una grande influenza sulle linee guida dietetiche statunitensi attraverso la sua infiltrazione nel comitato consultivo delle linee guida dietetiche statunitensi. Il rapporto esamina la pervasiva interferenza politica delle multinazionali del cibo e delle bevande come Coca-Cola, McDonald's, Nestlé e PepsiCo e come queste società abbiano sfruttato l'International Life Sciences Institute per paralizzare i progressi sulla politica nutrizionale in tutto il mondo.

Influenza dell'ILSI in India 

Il New York Times ha riferito sull'influenza dell'ILSI in India nel suo articolo intitolato "Un oscuro gruppo industriale definisce la politica alimentare in tutto il mondo. "

L'ILSI ha stretti legami con alcuni funzionari del governo indiano e, come in Cina, l'organizzazione non profit ha promosso messaggi e proposte politiche simili a Coca-Cola, minimizzando il ruolo dello zucchero e della dieta come causa dell'obesità e promuovendo una maggiore attività fisica come soluzione , secondo l'India Resource Center. 

I membri del consiglio di amministrazione di ILSI India includono il direttore degli affari normativi di Coca-Cola India e rappresentanti di Nestlé e Ajinomoto, una società di additivi alimentari, insieme a funzionari governativi che fanno parte di gruppi scientifici incaricati di decidere su questioni di sicurezza alimentare.  

Preoccupazioni di vecchia data per ILSI 

ILSI insiste nel dire che non è un gruppo di pressione industriale, ma le preoccupazioni e le lamentele sono di vecchia data riguardo alle posizioni pro-industria del gruppo e ai conflitti di interesse tra i leader dell'organizzazione. Vedi, ad esempio:

Districare le influenze dell'industria alimentare, Medicina della natura (2019)

L'agenzia alimentare nega la rivendicazione del conflitto di interessi. Ma le accuse di legami con l'industria possono contaminare la reputazione dell'ente europeo, Natura (2010)

Big Food vs. Tim Noakes: The Final Crusade, Keep Fitness Legal, di Russ Greene (1.5.17) 

Vero cibo in prova, dal dott.Tim Noakes e Marika Sboros (Columbus Publishing 2019). Il libro descrive “l'accusa e la persecuzione senza precedenti del professor Tim Noakes, un illustre scienziato e medico, in un caso multimilionario che si è protratto per più di quattro anni. Tutto per un singolo tweet che esprime la sua opinione sulla nutrizione. "

Neonicotinoidi: una preoccupazione crescente

Stampa E-mail Share Tweet

Il 10 gennaio The Guardian ha pubblicato questa storia su una piccola comunità rurale del Nebraska che ha lottato per almeno due anni con la contaminazione legata ai semi di mais rivestiti di neonicotinoidi. La fonte è un impianto di etanolo dell'area che è stato commercializzato come gratuito "raccolta differenziata" posizione per aziende di sementi come Bayer, Syngenta e altre che avevano bisogno di un posto dove sbarazzarsi delle scorte in eccesso di queste scorte di semi trattate con pesticidi. Il risultato, dicono i cittadini, è un paesaggio intriso di livelli incredibilmente alti di residui di neonicotinoidi, che secondo loro hanno innescato malattie sia negli esseri umani che negli animali. Temono che la loro terra e l'acqua siano ora irreparabilmente contaminate.

Funzionari ambientali statali hanno registrato livelli di neonicotinoidi a sbalorditivo 427,000 parti per miliardo (ppb) in fase di sperimentazione su una delle grandi colline di rifiuti sul sito della proprietà dell'impianto di etanolo. Ciò si confronta con i benchmark normativi che affermano che i livelli devono essere inferiori a 70 ppb per essere considerati sicuri.

Andate a questa pagina per maggiori dettagli e documenti.

La storia del pedaggio sulla comunità di Mead, Nebraska, non è che l'ultimo segno che la supervisione normativa statale e federale sui neonicotinoidi deve essere rafforzata, secondo i sostenitori dell'ambiente e i ricercatori di diverse università statunitensi.

La controversia sulla classe di insetticidi noti come neonicotinoidi, o neonica, è cresciuta negli ultimi anni ed è diventata un conflitto globale tra i colossi aziendali che vendono i neonici e gruppi ambientalisti e di consumatori che affermano che gli insetticidi sono responsabili di un'ampia salute ambientale e umana danno.

Da quando sono stati introdotti negli anni '1990, i neonicotinoidi sono diventati la classe di insetticidi più utilizzata al mondo, venduti in almeno 120 paesi per aiutare a controllare gli insetti dannosi e proteggere la produzione agricola. Gli insetticidi non vengono solo spruzzati sulle piante, ma anche rivestiti sui semi. I neonicotinoidi sono utilizzati nella produzione di molti tipi di colture, tra cui riso, cotone, mais, patate e soia. A partire dal 2014, i neonicotinoidi rappresentavano più di 25 per cento del pesticida globale mercato, secondo i ricercatori.

All'interno della classe, il clothianidin e l'imidacloprid sono i più comunemente usati negli Stati Uniti, secondo un articolo del 2019 pubblicato sulla rivista Salute ambientale.

Nel gennaio 2020, l'Agenzia per la protezione ambientale ha rilasciato un file proposte di decisioni provvisorie per acetamiprid, clothianidin, dinotefuran, imidacloprid e thiamethoxam, insetticidi specifici della classe dei neonicotinoidi. L'EPA ha detto che stava lavorando per ridurre la quantità utilizzata sui raccolti associati a "potenziali rischi ecologici", limitando quando i pesticidi possono essere applicati alle colture in fiore.

Un numero crescente di prove scientifiche indica che i neonicotinoidi sono un fattore diffuso colonia collasso disturbo delle api, che sono impollinatori essenziali nella produzione alimentare. Sono anche visti come almeno in parte da incolpare di un "Apocalisse di insetti. Gli insetticidi sono stati anche legati a gravi difetti in cervo dalla coda bianca, approfondendo le preoccupazioni sul potenziale della sostanza chimica di danneggiare i grandi mammiferi, comprese le persone.

L'Unione europea ha vietato l'uso all'aperto di neonics clothianidin, imidacloprid e thiamethoxam nel 2018 e il Dice le Nazioni Unite I neonici sono così pericolosi che dovrebbero essere limitati "severamente". Ma negli Stati Uniti, la neonica rimane ampiamente utilizzata.

Iscriviti alla nostra Newsletter. Ricevi aggiornamenti settimanali nella tua casella di posta.