Scienziato con conflitto di interessi a capo della task force della Commissione Lancet COVID-19 sulle origini dei virus

Stampa E-mail Share Tweet

La scorsa settimana, Segnalato dagli Stati Uniti Right to Know che un'influente dichiarazione su The Lancet firmata da 27 eminenti scienziati della salute pubblica sulle origini di SARS-CoV-2 è stata organizzata dai dipendenti di EcoHealth Alliance, un gruppo senza scopo di lucro che ha ricevuto milioni di dollari di finanziamenti dai contribuenti statunitensi per manipolare geneticamente i coronavirus con scienziati del Wuhan Institute of Virology (WIV). 

Il Dichiarazione del 18 febbraio ha condannato "teorie del complotto" che suggeriscono che COVID-19 potrebbe provenire da un laboratorio, e hanno detto che gli scienziati "concludono in modo schiacciante" che il virus abbia avuto origine nella fauna selvatica. Email ottenute da USRTK ha rivelato che il presidente di EcoHealth Alliance Peter Daszak ha redatto la lettera e l'ha orchestrata per "evitare l'apparenza di una dichiarazione politica". 

The Lancet non ha rivelato che altri quattro firmatari della dichiarazione hanno anche posizioni con EcoHealth Alliance, che ha un interesse finanziario nel deviare le domande dalla possibilità che il virus possa aver avuto origine in un laboratorio.

Ora, The Lancet sta dando ancora più influenza al gruppo che ha conflitti di interesse sull'importante questione di salute pubblica delle origini della pandemia. Il 23 novembre, The Lancet ha nominato a nuovo pannello di 12 membri alla Commissione The Lancet COVID 19. Il presidente della nuova task force per indagare su "Origini, diffusione precoce della pandemia e soluzioni di una sola salute alle future minacce pandemiche" non è altro che Peter Daszak di EcoHealth Alliance. 

La metà dei membri della task force - inclusi Daszak, Hume Field, Gerald Keusch, Sai Kit Lam, Stanley Perlman e Linda Saif - erano anche firmatari della dichiarazione del 18 febbraio che affermava di conoscere le origini del virus appena una settimana dopo la World Health L'organizzazione ha annunciato che la malattia causata dal nuovo coronavirus sarebbe stata denominata COVID-19. 

In altre parole, almeno la metà della task force della Commissione COVID di The Lancet sulle origini di SARS-CoV-2 sembra aver già valutato il risultato prima ancora che le indagini iniziassero. Ciò mina la credibilità e l'autorità della task force.

Le origini di SARS-CoV-2 sono ancora un mistero e un'indagine approfondita e credibile potrebbe essere cruciale per prevenire la prossima pandemia. Il pubblico merita un'indagine che non sia contaminata da tali conflitti di interesse.

Aggiornamento (25 novembre 2020): Peter Daszak è stato anche nominato per il Il team di 10 persone dell'Organizzazione mondiale della sanità ricercare le origini della SARS-CoV-2.