Uno studio mostra gli sforzi della Coca-Cola per influenzare il CDC sulla dieta e l'obesità

Stampa E-mail Share Tweet

Comunicato stampa: martedì 29 gennaio 2019
Documenti pubblicati qui
Contatti: Gary Ruskin (415) 944-7350 o Nason Maani Hessari (+44) 020 7927 2879 o David Stuckler (+39) 347 563 4391 

Le e-mail tra The Coca-Cola Company e Centers for Disease Control and Prevention (CDC) dimostrano gli sforzi dell'azienda per influenzare il CDC a proprio vantaggio, secondo un studio pubblicato oggi in Il Milbank Quarterly. Il contatto di Coca-Cola con il CDC mostra l'interesse dell'azienda ad ottenere l'accesso ai dipendenti di CDC, a fare pressione sui politici e ad inquadrare il dibattito sull'obesità spostando l'attenzione e la colpa lontano dalle bevande zuccherate.

Lo studio si basa su e-mail e documenti ottenuti tramite il Freedom of Information Act di US Right to Know, un gruppo di ricerca sui consumatori e sulla salute pubblica senza scopo di lucro. L'indagine sulla Coca-Cola è di particolare rilevanza perché il CDC è stato recentemente criticato per i suoi legami con i produttori di prodotti malsani, compresi quelli di bevande zuccherate. Le e-mail dimostrano gli sforzi della Coca-Cola per "far avanzare gli obiettivi aziendali, piuttosto che la salute, anche per influenzare l'Organizzazione mondiale della sanità", afferma lo studio.

"Non è il ruolo appropriato del CDC favorire le aziende che producono prodotti nocivi", ha affermato Gary Ruskin, co-direttore di US Right to Know. "Il Congresso dovrebbe indagare se la Coca-Cola e altre società che danneggiano la salute pubblica stanno influenzando in modo non etico il CDC e sovvertendo i suoi sforzi per proteggere la salute di tutti gli americani".

"Ancora una volta vediamo i gravi rischi che sorgono quando le organizzazioni per la sanità pubblica collaborano con produttori di prodotti che rappresentano una minaccia per la salute", ha affermato Martin McKee, professore di salute pubblica europea presso il London School of Hygiene & Tropical Medicine. "Purtroppo, come dimostrano questo esempio e quelli più recenti nel Regno Unito, questi rischi non sono sempre apprezzati da coloro che dovrebbero conoscerli meglio".

Il documento conclude: “È inaccettabile per le organizzazioni di sanità pubblica impegnarsi in partnership con aziende che hanno un conflitto di interessi così chiaro. L'ovvio parallelismo sarebbe considerare il CDC che lavora con le aziende di sigarette e i pericoli che una tale partnership potrebbe comportare. La nostra analisi ha evidenziato la necessità per organizzazioni come il CDC di garantire che si astengano dal impegnarsi in partnership con produttori di prodotti dannosi per timore di minare la salute del pubblico che servono ".

Lo studio Milbank Quarterly è stato co-autore di Nason Maani Hessari, ricercatore presso la London School of Hygiene & Tropical Medicine; Gary Ruskin, co-direttore di US Right to Know; Martin McKee, professore alla London School of Hygiene & Tropical Medicine; e, David Stuckler, professore all'Università Bocconi.

US Right to Know sta attualmente discutendo due casi FOIA per ottenere più documenti dal CDC. Nel febbraio 2018, US Right to Know ha citato in giudizio il CDC per il mancato rispetto del proprio dovere ai sensi della FOIA di fornire registrazioni in risposta a sei richieste sulle sue interazioni con The Coca-Cola Company. Nell'ottobre 2018, CrossFit e US Right to Know hanno citato in giudizio il Department of Health and Human Services alla ricerca di documenti sul motivo per cui la Foundation for the National Centers for Disease Control and Prevention (CDC Foundation) e la Foundation for the National Institutes of Health (NIH Foundation) non hanno divulgato le informazioni sui donatori come richiesto dalla legge.

Il progetto Collezione US Right to Know Food Industry, contenente i documenti dello studio odierno, è pubblicato nel file gratuito, ricercabile Archivio documenti industria alimentare ospitato dall'Università della California, San Francisco. Per ulteriori informazioni sul lavoro di USRTK in merito a CDC e Coca-Cola, vedere: https://usrtk.org/our-investigations/#coca-cola.

US Right to Know è un gruppo di ricerca sulla salute pubblica e sui consumatori senza scopo di lucro che indaga sui rischi associati al sistema alimentare aziendale e sulle pratiche e l'influenza dell'industria alimentare sulle politiche pubbliche. Per ulteriori informazioni, vedere usrtk.org.

La London School of Hygiene & Tropical Medicine (LSHTM) è un centro leader a livello mondiale per la ricerca, gli studi post-laurea e la formazione continua nella salute pubblica e globale. LSHTM ha una forte presenza internazionale con 3,000 dipendenti e 4,000 studenti che lavorano nel Regno Unito e in paesi in tutto il mondo e un reddito annuale per la ricerca di £ 140 milioni. LSHTM è uno degli istituti di ricerca più quotati nel Regno Unito, è partner di due unità universitarie MRC in Gambia e Uganda ed è stato nominato Università dell'anno ai Times Higher Education Awards 2016. La nostra missione è migliorare la salute e la salute azioni nel Regno Unito e nel mondo; lavorare in partnership per raggiungere l'eccellenza nella ricerca sanitaria pubblica e globale, nell'istruzione e nella traduzione della conoscenza in politiche e pratiche http://www.lshtm.ac.uk

-30-